Attualità

Sciopero trasporti, orari e mezzi sicuri

neXt quotidiano|

sciopero trasporti 24 luglio 2019 1

Per la prima volta da 12 anni per oggi, mercoledì 24 luglio, è stato organizzato uno sciopero generale dei trasporti di Filt Cgil,Fit Cisl, Uil trasporti. I maggiori disagi nel settore ferroviario e nel trasporto urbano. Lo sciopero del settore aereo in programma per venerdì 26 luglio è stato invece ridotto a 4 ore. A renderlo noto è il ministero dei trasporti che ha pubblicato una nota in cui specifica di aver disposto l’ordinanza «per contemperare il rispetto del diritto allo sciopero con la garanzia dei servizi per i cittadini in un periodo così particolare». Sul sito dell’Enac, Ente nazionale per l’aviazione civile, è disponibile l’elenco dei voli garantiti. Il Corriere della Sera spiega oggi in un Q&A come trovare orari e mezzi sicuri durante lo sciopero dei trasporti:

Come si fa a sapere se il proprio treno partirà?
Nelle ferrovie lo sciopero va dalle 9 alle 17, per questo Trenitalia dice che i treni pendolari — quelli della prima fascia del mattino e della sera — saranno garantiti. Trenitalia assicura anche che le Frecce saranno regolari (i sindacati fanno capire che questo è il risultato di un’intesa informale). Per i convogli regionali che devono arrivare a destinazione entro le 9.59 i macchinisti saranno tenuti a garantire la regolarità.

sciopero trasporti orari mezzi sicuri
Lo sciopero dei trasporti (Il Messaggero, 24 luglio 2019)

Online si può verificare la situazione dei treni?
In generale, la prima cosa da fare è andare sul sito trenitalia.com e cercare l’area dove si trovano, divisi per Regione, i treni regionali garantiti in caso di sciopero, oltre a una lista degli Intercity cancellati. Fino a ieri, però, la ricerca della pagina era una caccia al tesoro: bisogna scegliere in alto a destra nel sito l’area «info e assistenza», quindi passare a «infomobilità» e finalmente al banner «in caso di sciopero».

Come funzionerà con i trasporti cittadini?
Lo sciopero è di quattro ore, che cambiano da città a città. Difficile prevedere l’adesione. Da 19 mesi il settore è in attesa dell’avvio delle trattative per il rinnovo del contratto. Ma sull’adesione influiranno dinamiche locali. Oltre alla posizione che terranno i sindacati che non hanno indetto lo sciopero, come l’Orsa, che a Milano è determinante per esempio sul funzionamento delle linee del metrò. Il fatto che l’agitazione sia solo di quattro ore potrebbe scoraggiare l’adesione, perché in ogni caso il lavoratore sarebbe tenuto a presentarsi per completare il servizio.

Leggi anche: Il giochino tra Conte e Di Maio per fregare il M5S sulla TAV