Sport

La nazionale ucraina di scherma si rifiuta di affrontare la Russia e viene applaudita dal pubblico | VIDEO

@neXt quotidiano|

ucraina scherma russia

Ieri la squadra ucraina di scherma ha deciso di non affrontare la Russia agli ottavi di finale della Coppa del Mondo che si sta disputando in questi giorni al Cairo, in Egitto. I quattro atleti hanno parlato con i giudici di gara comunicando le loro intenzioni e menzionando le loro famiglie, che in questo momento si trovano sotto assedio nelle loro case in Ucraina. Successivamente, un applauso si è levato dal pubblico, mentre uno degli schermidori ha mostrato un cartello con scritto: “Stop alla guerra, salviamo l’Ucraina”. La selezione nazionale si è quindi fermata a un passo dai quarti di finale, preferendo anteporre l’etica ai propri interessi sportivi.

La nazionale ucraina di scherma si rifiuta di affrontare la Russia e viene applaudita dal pubblico | VIDEO


Dal mondo della scherma era arrivato un altro importante messaggio politico. La squadra femminile di spada dell’Italia si era infatti ritirata dalla tappa di Coppa del Mondo in corso a Sochi, in Russia. “Questa tappa di Coppa del Mondo ha perso tutto il suo significato tecnico e sportivo, sacrificato sull’altare della situazione internazionale”, ha spiegato il presidente della Federscherma italiana Paolo Azzi.

Intanto nel calcio forti critiche sono arrivate dalla federazione della Polonia alla Fifa. La nazionale aveva chiesto di non incontrare la Russia nei playoff mondiali (la gara è prevista per il prossimo 24 marzo), ma l’organismo che regola il calcio mondiale ha disposto che la gara potrà disputarsi in campo neutro, senza tifosi, e con i russi non rappresentati da bandiera né inno nazionale.