Fatti

La Scala dei Turchi è ritornata subito pulita grazie all’aiuto di alcuni giovani volontari

In tempo record è tornata pulita la Scala dei Turchi, scenario suggestivo della costiera di Agrigento imbrattato ieri con vernice rossa

scala dei turchi realmonte agrigento montalbano volontari

Sono durate meno di 24 ore le macchie di vernice rossa che hanno imbrattato la scala dei turchi a Realmonte, uno degli scenari più suggestivi della zona di Agrigento e location di alcune scene della fiction “Il commissario Montalbano”. Numerosi giovani volontari sono accorsi per affiancare i dipendenti del Comune ed aiutarli a ripulire l’area. Fortunatamente, il materiale utilizzato – polvere di intonaco poi mischiata con l’acqua per ottenere la vernice rossa – è stato facile da rimuovere. Al punto che nella parte più bassa della scogliera le stesse onde del mare avevano già rimosso gran parte delle macchie dalla roccia. Per i giovani volontari sono arrivati anche i ringraziamenti del governatore Nello Musumeci.

L’imbrattamento della Scala dei Turchi a Realmonte

Intanto la Procura prosegue l’inchiesta, aperta contro ignoti, per “danneggiamento di beni dal valore paesaggistico”. I colpevoli dell’atto vandalico non sono ancora stati individuati: i carabinieri stanno visionando le immagini del sistema di videosorveglianza che potrebbero fornire importanti indizi. Ieri rappresentanti della Soprintendenza ai Beni Culturali di Agrigento hanno effettuato un sopralluogo sulla scogliera, candidata anche come patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

La Scala dei Turchi è stata al centro di un lungo contenzioso giudiziario tra il Comune di Realmonte e il proprietario di alcune particelle catastali, Ferdinando. Un caso che aveva portato anche al sequestro del sito da parte della magistratura. Sciabbarrà si è dichiarato recentemente disposto anche a cedere il bene a condizione che diventi una riserva naturale. Un’altra ipotesi è che la Scala dei Turchi venga acquisita direttamente al patrimonio della Regione “impegnata da qualche anno assieme ad altre istituzioni – come ha sottolineato il presidente Nello Musumeci – nella tutela e nella salvaguardia dell’integrità di questo meraviglioso angolo della Sicilia”.