Attualità

L’ordinanza del Comune di Saronno che prevede 1200 morti per Coronavirus

“La città di Saronno ha poco meno di 40mila abitanti e qualora nel caso peggiore venissero tutti contagiati rischieremmo di avere, stando al 3% di decessi, circa 1200 decessi”, ha scritto il sindaco nell’ordinanza pubblicata sul sito del Comune

ordinanza saronno 1200 decessi coronavirus 1

Il sindaco di Saronno Alessandro Fagioli ha deciso di movimentare la vita dei suoi concittadini scrivendo in un’ordinanza che nel territorio sono previsti 1200 decessi per il Coronavirus. “La città di Saronno ha poco meno di 40mila abitanti e qualora nel caso peggiore venissero tutti contagiati rischieremmo di avere, stando al 3% di decessi, circa 1200 decessi”, ha scritto il sindaco nell’ordinanza sul mercato pubblicata sul sito del Comune.

L’ordinanza del Comune di Saronno che prevede 1200 morti per Coronavirus

E poi: “Pur nella consapevolezza che si tratta di un dato non estrapolabile scientificamente, ma non avendo al tempo stesso controprove, è da tenere in considerazione nella tutela della salute pubblica e in particolare modo per la fascia debole della popolazione ovvero di chi ha già patologie in corso”. È bene segnalare che al momento non è stato segnalato nemmeno un caso nell’intera provincia di Varese.

ordinanza saronno 1200 decessi coronavirus

Il senatore del Partito Democratico Alessandro Alfieri è andato all’attacco del primo cittadino leghista: “Sono tantissimi i sindaci, senza distinzione di colore politico, che in questi giorni sono impegnati a gestire l’emergenza coronavirus nelle rispettive comunità. A loro deve andare il ringraziamento di tutto il Paese. Poi c’è il Sindaco di #Saronno che pubblica un’ordinanza condita da parole irresponsabili, antiscientifiche e passibili di denuncia per procurato allarme. Ecco di questo non abbiamo proprio bisogno. Mi auguro che quelle frasi vengano subito ritirate”. Questa è l’ordinanza, originariamente nata per sospendere il mercato di Saronno.

Leggi anche: Conte, Fontana e l’orrendo spettacolo della politica italiana che litiga sul coronavirus