Attualità

Sara: la mamma della bimba di Genzano ora non vuole più vedere Federico Zeoli

neXt quotidiano|

federico zeoli 1

Ieri abbiamo parlato di Federico Zeoli, accusato di tentato omicidio per aver percosso una bambina di 22 mesi, figlia della sua compagna Sara, che però in un’intervista rilasciata ieri al Messaggero, pur condannandolo, dichiarava il suo amore per lui. Oggi Sara torna sulla vicenda sul Messaggero ma cambia idea su Federico Zeoli:

Sara ora odia Federico, «non lo perdonerò mai, deve pagare». La mamma della piccola ricoverata al Bambino Gesù dopo esser stata malmenata e morsa dal compagno della madre prende le distanze, torna sui suoi passi, forse ha paura di non rivedere più le figlie. E si strazia. Ma non va, non prova ad andare in ospedale dalla figlia, ormai da tre giorni sola in rianimazione.

I genitori del padre sono stati allontanati, un cordone di protezione circonda la piccola, mentre la mamma è sola anche lei in quella casa di Genzano dove mercoledì in sua assenza Federico Zeoli, 24 anni ha riempito di lividi ed ecchimosi, la sua piccola di appena 22 mesi perché piangeva.

Federico Zeoli, 24enne originario di Campobasso, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio. I due convivevano da due mesi, stavano insieme da un anno. Per lui Sara aveva lasciato il padre ed era andata a vivere a Genzano. I due stanno insieme da qualche mese e con loro vivono i figli avuti da una relazione precedente di Sara, che sono tre: una di cinque anni e due gemelline di 22 mesi. A quanto pare una delle due bambine ha cominciato a piangere e il padre l’ha colpita e morsa all’altezza dell’ombelico finché non ha perso i sensi.

Nel mirino, alcune escoriazioni sul corpo della bambina, che non sembrano recenti. Tutte e tre erano nate da una precedente relazione di Sara Valli Nanni con un giovane anche lui, come il nuovo compagno, con precedenti. «Non mi dicono niente, gli assistenti sociali me le hanno portate via, senza di loro non so vivere» ripete Sara. Vivevano insieme da 2 mesi.

I vicini sentivano pianti di troppo negli ultimi tempi. Ora si sta vagliando l’ipotesi di far trasferire anche la madre, allontanandola da quella casa vecchia e in condizioni igienico-sanitarie precarie. «Federico? Mia figlia, era verde di lividi. E lui ha finto di essere quello che non era, l’ha menata di brutto, una persona deve voler bene prima alle mie figlie e poi a me», dice delusa.

Leggi anche: Sara e Federico Zeoli: tutta la storia della bimba di Genzano picchiata