Opinioni

Salvini e la querela alla prof anti-Lega

Paolo Colonnello sulla Stampa di oggi racconta una storia che riguarda Matteo Salvini e una professoressa di scuola superiore, a cui è arrivata una querela da parte del leader della Lega per quello che ha detto in un video pubblicato su Facebook

Succede infatti che vicino a Milano, una tranquilla insegnante di scuola superiore si è vista arrivare una querela firmata dal candidato premier della Lega, per aver scritto sulla propria pagina Facebook che alcuni parlamentari leghisti erano dei «deprivati culturali» in quanto, intervistati da un giornalista di Repubblica a proposito dello «Ius soli» e del conseguente «Ius culturae» preteso proprio per gli stranieri, avevano dato risposte imbarazzanti. La signora si era scandalizzata: «Ma quanta ignoranza… e poi osate dire che gli extracomunitari devono dimostrare di conoscere la cultura italiana?! Io ho studenti extracomunitari che potrebbero insegnarvelo davvero l’italiano…».

umberto bossi matteo salvini

Poi, l’affondo finale: «Si vergogni chi li vota questi deprivati culturali perché non ci rappresentano!». Apriti cielo: 4 pagine di querela, richiesta di condanna esemplare e risarcimento civile. Vuoi mettere con certi insulti coperti da immunità parlamentare? Così, a meno che non si voglia pensare a un’intimidazione random (colpirne uno per educarne cento), sarebbe bene che Salvini si ricordasse di aver giurato, giusto l’altro ieri, anche sul Vangelo che tra i suoi capisaldi ha proprio il perdono.

Leggi sull’argomento: «Salvini è il più grande assenteista di Bruxelles»: si può dire