Attualità

Salvini dice che il convegno antiscientifico è stato organizzato dalla Lega a sua insaputa

@neXt quotidiano|

Salvini

Impegnato ad attraversare l’Italia in lungo e in largo per sostenere i vari candidati del centrodestra impegnati alle prossime elezioni Amministrative (in programma il 3 e il 4 ottobre), Matteo Salvini sembra aver completamente perso il timone del suo partito. Era già accaduto in piena estate, quando alcuni nomi di spicco della Lega sono scesi in piazza (e hanno organizzato) manifestazioni contro il Green Pass. E questo canovaccio si è ripetuto lunedì, quando al Senato è andato in scena un convengo – organizzato da una senatrice del Carroccio – in cui si è parlato di cure domiciliari contro il Covid già bocciate dagli studi e dalla comunità scientifica. Ma il segretario della Lega di tutto ciò ne sapeva poco. Anzi, nulla.

Salvini e il convegno antiscientifico della Lega al Senato a sua insaputa

Tutto a sua insaputa, o quasi. Perché dopo lo scoppio delle polemiche, dagli uffici di via Bellerio è partita la corsa alle giustificazioni. E, come da prassi, il miglior modo per cercare di mettere un tappo al vaso delle polemiche è il puntare tutto su un concetto molto caro ai politici: “A sua insaputa”. Come riporta Il Corriere della Sera, infatti, lo staff di Matteo Salvini ha detto che il segretario della Lega non fosse al corrente di quell’evento e dei contenuti che sarebbero stati trattati (e neanche, aggiungiamo noi, degli ospiti invitati dagli organizzatori del Carroccio).

Dalla Lega si apprende che: Matteo Salvini nulla c’entra con il convegno, iniziativa di «una singola parlamentare». Che fino all’altro ieri sera il leader leghista neppure era informato dell’appuntamento; e che il senso dell’iniziativa era quello del sostegno alle cure domiciliari.

Il tutto corredato da un messaggio inviato nel primo pomeriggio (quando la storia del convegno ha iniziato a circolare sui social provocando polemiche) a tutti i parlamentari della Lega: “Per evitare polemiche e fraintendimenti relativi agli ospiti o ai contenuti delle conferenze stampa e dei convegni organizzati alla Camera o al Senato con il supporto della struttura della Lega, vi chiediamo un confronto preventivo con i capigruppo e l’ufficio stampa sull’opportunità politica e di comunicazione degli eventi stessi”. Insomma, il segretario è impegnato in giro per l’Italia. Non fategli fare (altre) figuracce.

(foto: da Instagram)