Economia

Il salario minimo in Europa

La Stampa pubblica a corredo di un articolo sul salario minimo questa statistica su chi in Europa adotta l’istituzione e chi no. Il salario minimo è la più bassa paga oraria, giornaliera o mensile (annuale nel caso della Svizzera e del referendum) che in taluni stati i datori di lavoro devono per legge corrispondere a impiegati e operai.

salario minimo ue
Il salario minimo in Europa (La Stampa)

Spiega l’articolo che «In Francia sono 9,53 euro l’ora almeno, in Spagna scendono a 5,57, in Grecia a 5,06,mentre nel Regno Unitosi torna a 6 sterline e mezzo (8,30 euro ai valori attuali). In Svizzera, fuori dall’Ue, un referendum ha bocciato fra la sorpresa la pag aminima di 4000 franchi per tutti (3250 euro). In Germania è passata in luglio una legge che introduce una soglia minima perle retribuzioni a livello federale da gennaio, rivoluzione che ha smosso anche Roma». Ma c’è da aggiungere anche altro: «Alcuni economisti ritengono che quando il salario minimo corrisponde al 60% del salario “mediano”( cioè quello percepito dai lavoratori che si trovano al centro della distribuzione dei salari) deve accendersi un campanello d’allarme: gli effetti negativi sull’occupazione sono assicurati. Insomma, se il salario mediano in un determinato Paese equivale a 10 euro all’ora, un salario minimo equivalente a 6 euro/l’ora può essere controproducente. Non è un caso che questo indice negli Usa e in Giappone sia del 38% e nei principali Paesi europei si attesti sotto al 50%». Il grafico del Sole 24 Ore:
salario minimo percentuale
L’infografica sul salario minimo dal sito del Sole 24 Ore

Foto copertina da Flickr