Fatti

Sala confermato Sindaco di Milano, Bernardo staccato di 26 punti al primo turno

neXt quotidiano|

Sala Milano palazzo Marino

Milano rimane la città di Beppe Sala, il sindaco uscente vola verso una inesorabile riconferma al primo turno. Tra i sostenitori dell’ex commissario di Expo non ci sono mai state grandi paure, anzi. La candidatura del medico Luca Bernardo è parsa fin da subito goffa, arricchita nelle settimane di campagna elettorale da uscite infelici e siparietti al limite del tragicomico. Vedasi l’evento di chiusura in cui Meloni e Salvini non sono riusciti ad incrociarsi sul palco.

Lo stile del manager milanese è stato premiato dagli elettori. Sala in queste settimane ha evitato scontri con i suoi avversari politici, sostanzialmente ignorandoli. Solo una volta è apparso stizzito da alcune parole pronunciate da Bernardo che aveva dato del “pistola” al popolo del centrosinistra.

Sala modello vincente, il manager di Expo è sindaco di Milano al primo turno

Una squadra solida contro un gruppo non troppo coordinato, sono apparse così le due corse nel capoluogo meneghino. L’ex e futuro sindaco di Milano ha organizzato i suoi meeting come ha fatto fino al giorno prima di entrare  a Palazzo Marino, pochi sorrisi e poche parole. Tante pedalate. Bernardo invece ha speso molto tempo a lamentarsi in questi mesi, contro di lui ha remato senza nessun dubbio la spaccatura latente tra Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Gli scarsi finanziamenti arrivati alla sua corsa. Una gestione dell’immagine pubblica in difficoltà, al punto da aver disperso anche i follower finanche sui social.

“Non sarete chiamati solo a scegliere il sindaco, ma anche un’idea di futuro”, aveva detto pochi giorni fa Sala.

E’ forse attorno a questo che aveva immaginato la sua strategia il prossimo sindaco di Milano. Autore di una compagine in grado di diversificare l’offerta, aprendo ai tanti milanesi e non meneghini. Tanti eventi partecipati e tanto coinvolgimento delle realtà che lo hanno aiutato ad essere il buon sindaco di questi anni.