Opinioni

Roberta Lombardi vuole ancora vigilare su Virginia Raggi

Luca Conforti|

undefined

“Quanto sono distanti i ‘binari paralleli’ di sindaco e M5S a Roma? Vedremo. Come ha detto Beppe noi vigileremo sull’operato del sindaco per vedere l’applicazione del programma per il quale il Movimento Cinque Stelle è stato eletto a Roma”. Lo ha detto la deputata del Movimento Cinque Stelle, Roberta Lombardi, a margine di un’iniziativa per il no al referendum costituzionale organizzata nella serata di ieri in III Municipio.
roberta lombardi
La domanda sui binari paralleli si riferisce alla ormai mitica intervista rilasciata al Corriere e a Repubblica da Roberta Lombardi, che poi l’ha smentita alle 2 di notte su Facebook.

Lei ha preso le distanze da alcuni atti della sindaca Raggi. Che rivendica autonomia. Fino a dove può arrivare questa autonomia?
«A Roma c’è il Movimento 5 Stelle e c’è il sindaco di Roma, sono su due strade diverse. Per ora procedono su binari paralleli: speriamo che prima o poi le due strade si incontrino e finiscano per coincidere».

Ieri Beppe Grillo aveva chiesto ai parlamentari il silenzio stampa su Roma. “Non è un silenzio stampa, è un togliere il chiacchiericcio finale perché poi viene fuori solo quello e non si valorizza l’azione- ha sottolineato Lombardi- Se c’è un’azione da valorizzare, allora che sia valorizzata. Togliamo il disturbo di fondo e vediamo se il programma su cui il Movimento Cinque Stelle a Roma ha preso il 70% dei voti viene giustamente eseguito”, ha detto la Lombardi. Infine, sulla Raggi: “Io sono preoccupata ma sono fiduciosa nell’operato del sindaco, della Giunta e del Consiglio comunale. Spero che andiate anche da loro a fare le stesse domande e il sindaco avrà sicuramente una risposta per voi”.
Leggi sull’argomento: Roberta Lombardi e l’intervista smentita in notturna