Opinioni

«I ricatti del FMI e di Schauble per una nuova austerità non devono passare»

Faber Fabbris|

undefined

Pubblichiamo la lettera-appello di Luciana Castellina pubblicata nei giorni scorsi sul giornale di Syriza. La foto è tratta da un

Abbiamo una data per dare la nostra risposta. Il 25 marzo prossimo si svolgerà a Roma il Vertice dei capi di stato e di governo, nel 60esimo del Trattato di Roma, atto di fondazione della CEE. Sarà l’occasione per nuove dosi dell’inutile retorica sull’Europa. Ci saranno le reazioni di chi vuole distruggere l’edificio europeo e tentare l’avventura del ritorno allo Stato-nazione. Dobbiamo esserci anche noi, unendoci all’appello delle associazioni, dei sindacati e dei movimenti.
Dobbiamo affermare con chiarezza che l’Europa si trova nelle nostre mani, e che è necessario creare un vasto movimento a livello europeo, per esigere un’Europa democratica e solidale. Dobbiamo unire le città e le comunità locali guidati dalle forze progressiste, i sindacati, i movimenti dei giovani e delle donne, federare tutte queste forze. Dobbiamo creare un popolo europeo portando proposte e rivendicazioni. Se ci confiniamo al livello nazionale non possiamo affrontare questa sfida. Dobbiamo creare un soggetto collettivo che oggi non esiste. L’anniversario del 60 anni della CEE-UE ci offre l’occasione di porre con forza il problema.

(Traduzione di Faber Fabbris)