Opinioni

Repubblica XL e la storia del pene disegnato da Salvador Dalì

salvador dalì pene

Tutto accade ieri pomeriggio. Repubblica XL pubblica sulla sua pagina Facebook una foto che ritrae (ritrarrebbe) Salvador Dalì mentre disegna un pene sulla fronte di sua moglie, Elena Dmitrievna D’jakonova, firmandolo Picasso:
salvador dalì pene
 
Subito si scatenano i momenti di grandissimo umorismo:
salvador dalì pene 1
 
Quando all’improvviso, uno sconosciuto:
salvador dalì pene 2
Da lì comincia un’intensa attività di mirrorclimbing:
salvador dalì pene 3
Che ovviamente trova poca fortuna:
salvador dalì pene 4
Mentre persino chi passava lì per caso nota che « beh il post la descrive come autentica… scrivete “Memories: Salvador Dalí dipinge un pene sulla fronte di sua moglie, Elena Dmitrievna D’jakonova, e lo firma Pablo Picasso. Era il 1945.” — e comunque lei era chiamata Gala, direi che anche questo è un piccolo particolare importantissimo,ma che ce frega? l’importante è avere le battute del … contesto….L’informazione che avete dato vale sempre meno di zero…». E anche che: «Star Watcher inutile che la La Repubblica XL tenti di arrampicarsi sugli specchi tentando di salvare la faccia, non avete fornito qualsivoglia menzione sul fatto che fosse falsa ma anzi avete scritto “memories:[…]” quindi la intendevate o l’avete lasciata intendere come reale. Un’ammissione di colpa sarebbe più apprezzabile e perdonabile piuttosto che una roba penosa e triste come questa». Mentre dalle parti di Repubblica XL si sceglie la strategia più confacente a rispondere agli attacchi: la tecnica dello specchio-specchietto.
salvador dalì pene 5
 
E conclude con queste due perle: «Noi siamo XL, non indichiamo alcun nome. La policy è la tua policy, non la nostra. Non è uno strafalcione, Simone, l’immagine è lì e ci resterà perché è geniale. Poi essendo del 1945…» e «Non sono (risposte) stizzite: ti pare siano stizzite, Francesco? Siamo anche fin troppo pazienti, a rispondere a una persona che dice una castroneria come quella che hai detto ut: e cioè che i social network non sono, o non possono essere, uno strumento di lavoro. Sì, Simone, lo sappiamo che è un fake, lo sappiamo del gorgone. Basta fare una ricerca per immagini, che abbiamo fatto a monte trovando queste due (e anche un’altra immagine diversa con una specie di baco in fronte). Ma il Picasso era troppo bello. Et voilà». Et voilà. Vince l’internet oggi.
drogo