Economia

Regime dei minimi, nuova aliquota al 15%?

regime dei minimi aliquota

Non la migliore notizia per lavoratori autonomi ed imprese: il governo sta pensando di sostituire il regime dei minimi con una nuova aliquota piatta al 15%. Secondo quanto anticipato dal Sole 24 Ore, i regimi saranno tre: oltre a quello forfettario, nel quale si ritroveranno gli imprenditori che guadagnano meno di 55mila euro l’anno, la riforma prevede un regime ordinario e un regime semplificato, che si muoverà però secondo un principio nuovo: quello di pagare in base ai corrispettivi realmente incassati. Il Sole 24 Ore pubblica una tabella semplificata che calcola le aliquote dei minimi e il numero dei beneficiari:

regime dei minimi aliquota
Il Sole 24 Ore: le aliquote dei minimi e il numero dei beneficiari

E poi spiega come cambia l’aliquota secondo il progetto del governo:
regime dei minimi aliquota
Nuova aliquota al 15% per il regime dei minimi: l’identikit degli interessati

Come funziona il regime dei minimi? Lo spiega l’Agenzia delle Entrate:

Dal 2012 i contribuenti “minimi”, che non hanno i requisiti necessari per accedere al nuovo regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità), possono accedere al regime contabile agevolato sempre se in possesso dei requisiti per essere considerati minimi (articolo 1, commi da 96 a 117 della legge 244/2007). – pdf
Possono accedere al regime contabile agevolato anche i contribuenti:
che, pur avendo i requisiti per essere “minimi”, hanno optato per il regime ordinario o per il regime agevolato per le nuove iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo (articolo 13 della legge 388/2000) – pdf
che fuoriescono per decorrenza dei termini dal regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità
che, pur avendo i requisiti per accedere al nuovo regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità hanno optato per il regime ordinario o per il regime agevolato per le nuove iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo.
Il regime cessa di avere efficacia:
dall’anno successivo a quello in cui viene meno anche uno solo dei requisiti previsti oppure si verifica una delle condizioni di esclusione
a seguito di opzione per il regime contabile ordinario.