Attualità

«Ci vuole un referendum tra gli iscritti PD per il governo con il M5S»

@neXt quotidiano|

pd m5s referendum

Sandra Zampa, ex vicepresidente del Partito Democratico ed ex deputata, in un’intervista rilasciata oggi al Corriere della Sera rilancia la possibilità di un referendum tra gli iscritti PD per il governo con il MoVimento 5 Stelle, come proposto anche da Graziano Delrio. La formula che immagina Sandra Zampa è quella dell’astensione, che però non basterebbe visto che il centrodestra unito ha più voti dei grillini:

E se Mattarella dovesse indicare un’esplorazione dalle vostre parti?
«Beh,allora basta con tatticismi e furbizie, che hanno tenuto il Paese fermo fino ad oggi. Il M5S deve venir fuori con chiarezza e trasparenza».

E il Pd?
«Il Pd deve aprire un’interlocuzione, non deve rifiutare un’ipotesi di confronto…».

Vuol dire sì al governo Pd-M5S?
«Inimmaginabile. Ma il Pd deve pretendere dei chiarimenti dai 5 Stelle sui grandi temi: l’Europa, la povertà, l’immigrazione. Noi non siamo la Lega. Per fortuna, neppure Di Maio e Di Battista sono mai andati a trovare Orbán…».

Sì, ma il governo?
«Io credo sia giusto oggi che il Pd lasci nascere un governo a 5 Stelle. Con l’astensione, l’appoggio esterno, non so…».

luigi di maio alleanza pd lega m5s base 5 stelle - 11

La base è d’accordo?
«Facciamo un referendum, interpelliamo il popolo delle primarie. Magari già in settimana, online. Sono passati 50 giorni dalla sconfitta del 4 marzo e non si è fatta ancora una discussione interna. Credo che la Direzione debba riunirsi al più presto. Molti nostri elettori hanno votato per i 5 Stelle, ma non sono loro ad averci voltato le spalle, forse siamo stati noi…».

Leggi sull’argomento: Il Fatto e il referendum del PD sull’alleanza con il M5S