Economia

Reddito di cittadinanza e ISEE: il record al Sud

dichiarazioni isee

Con la soglia ISEE fino a 9000 euro il reddito di cittadinanza finisce in prevalenza nelle province del Sud e delle isole a discapito del Centro e del Nord. L’analisi del Sole 24 Ore sulla distribuzione regionale delle famiglie potenziali beneficiarie del reddito di cittadinanza (con Isee ordinario fino a 9mila €), con l’incidenza percentuale sul totale delle famiglie residenti nella regione e sul totale nazionale dei potenziali beneficiari, dice che il maggior numero di beneficiari si troverà in Campania (18%), Calabria (17,9%) e Sicilia (16,9%). Per quanto riguarda i numeri assoluti, il maggior numero di potenziali beneficiari si trova in provincia di Napoli (quasi 230mila famiglie), seguita da Roma (173.200), Milano (103.600), Palermo (100.800) e Torino (95.900). Ma queste cifre vanno rapportate agli abitanti. Se a Napoli e Palermo l’incidenza supera il 20% delle famiglie residenti, a Torino e Roma è intorno al 9%, mentre a Milano non arriva al 7 per cento. Di fatto, le prime 34 province per frequenza degli interessati sono tutte al Sud e nelle Isole.

reddito di cittadinanza isee
Distribuzione regionale delle famiglie potenziali beneficiarie del reddito di cittadinanza (con Isee ordinario fino a 9mila €). (Il Sole 24 Ore, 12 novembre 2018)

I valori dell’Isee, d’altra parte, sono storicamente più bassi nel Mezzogiorno, dove i redditi sono inferiori, la disoccupazione più alta, le famiglie mediamente più numerose e i depositi bancari e gli investimenti minori. Né basta a controbilanciare gli altri fattori la percentuale di proprietari di casa, più alta che al Centro-Nord. Tutto ciò si riflette sulla mappa: fatte 100 le famiglie con i requisiti d’ammissione, 48,6 sono al Sud e nelle Isole, 19 al centro e 32,4 al Nord. Anche il rapporto Svimez dei giorni scorsi conferma il peso del Mezzogiorno, cui andrebbero il 63% delle risorse disponibili.

reddito di cittadinanza 1
Il rapporto Svimez sul reddito di cittadinanza

Leggi sull’argomento: I conti del reddito di cittadinanza non tornano (nemmeno allo Svimez)