Economia

RC Auto familiare, dal 16 febbraio la clausola malus

scatola nera assicurazione rcauto

Da domenica 16 febbraio entra in vigore la formula RC Auto familiare. Con una novità: le Commissioni della Camera inseriscono un rischio malus nel meccanismo che concede a tutti i mezzi che fanno capo a un unico nucleo familiare la classe di merito più favorevole. Un emendamento Pd al Dl milleproroghe, riformulato, stabilisce che in caso di un sinistro con indennizzo da oltre 5mila euro provocato da un conducente con classe di merito più favorevole ma su un veicolo “di diversa tipologia”, per esempio una moto o uno scooter, rispetto a quello da cui discende la classe più bassa, alla prima scadenza della polizza, sul veicolo coinvolto nel sinistro la classe potrà peggiorare fino a cinque punti.

RC Auto familiare, dal 16 febbraio la clausola malus

La correzione dispone, inoltre, che entro il 30 ottobre 2020 l’Ivass dovrà trasmettere ai ministeri dello Sviluppo economico e dell’Economia e alle Commissioni parlamentari competenti una relazione sull’applicazione della nuova norma. Secondo l’Ania questa norma vanifica i buoni comportamenti al volante e riduce i prezzi solo per le famiglie più ricche, che hanno più mezzi.

rc auto familiare malus
RC Auto familiare: come funziona (Corriere della Sera, 15 febbraio 2020)

“Al verificarsi di un sinistro di cui si sia reso responsabile in via esclusiva o principale un conducente collocato nella classe di merito più favorevole per il veicolo di diversa tipologia – si legge nel testo dell’emendamento – e che abbia comportato il pagamento di un indennizzo complessivamente superiore a euro cinquemila, le imprese assicurative, alla prima scadenza successiva del contratto, possono assegnare, per il solo veicolo di diversa tipologia coinvolto nel sinistro, una classe di merito superiore fino a cinque unità rispetto ai criteri indicati dall’Ivass”. Il declassamento di cinque classi di merito si applicherà unicamente ai soggetti beneficiari dell’assegnazione della classe di merito più favorevole.

Leggi anche: Il Coronavirus in Africa