Opinioni

Quel cattivone di Soros che vuole dare le caserme ai rom

Per stare su Internet ci vuole dello stomaco, visto che si incontra di tutto. Da quelli che curano il cancro con il bicarbonato agli sciachimisti passando per i fautori del complotto demo-pluto-giudaico-massonico. Ma sostenere che George Soros voglia comprare le caserme italiane per poi darle ai rom, il tutto allo scopo di fare dispetto alla pagina fan di Giorgia Meloni, è roba che supera i confini dell’immaginazione.
soros
Ora, che Soros sia tra i papabili per l’acquisto degli immobili che lo Stato italiano vuole alienare è notizia del giugno scorso.

Nel pacchetto di immobili ci sono uffici ministeriali e dell’Agenzia delle entrate ma anche caserme e uffici della Guardia di Finanza e dell’esercito. Per il Quantum Fund di George Soros è la seconda operazione allo studio in Italia dopo quella conclusasi con successo il marzo scorso quando i veicoli di George Soros hanno acquistato il 5% di Igd – Immobiliare Grande Distribuzione Siiq, cioè uno tra i principali player in italia nel settore immobiliare della grande distribuzione controllato dalle cooperative. Soros, negli ultimi mesi, ha infatti accresciuto il peso dei suoi investimenti nell’immobiliare in Europa, valutando che ci siano soprattutto buone occasioni in Italia e Spagna.
Quantum Strategic Partners sarebbe uno dei tre soggetti in lizza nell’asta: gli altri due contendenti sarebbero i fondi americani Blackstone e Cerberus. Di recente è infatti finito sul mercato un portafoglio di Fip di oltre una ventina di immobili. I portafogli in vendita avrebbero diversi perimetri: il pacchetto più corposo di asset avrebbe un valore che sarebbe attorno agli 800 milioni di euro.

Ma Giorgia Meloni (o il poveraccio che le tiene la pagina facebook) dovrebbe cortesemente spiegarci perché un magnate dovrebbe investire qualche milione di euro per poi regalare le case, invece che cercare di guadagnarci come ha sempre fatto. Ma questa, alla fin fine, è logica. Non è apprezzata da chi complotta.

Leggi sull’argomento: La manifestazione globale contro le scie chimiche