Economia

Quanto costa aprire un ristorante

ristorante

Il Corriere della Sera pubblica oggi un’analisi di Dario Di Vico sulle aperture di nuovi ristoranti in Italia. Le statistiche Fipe-Confcommercio dicono che a Roma, Milano e Torino le aperture di nuovi ristoranti sono all’ordine del giorno: «Nei primi nove mesi del 2014 a Torino ne sono stati inaugurati 576, a Milano 679 e a Roma 687. Si viaggia grosso modo alla velocità di due al giorno e sono le città ad attirare i due terzi delle aperture lasciando il resto all’hinterland». Il saldo complessivo però è curiosamente negativo, proprio perché se ne chiudono più di quanti se ne aprano: molti commercianti passano la mano e i figli non seguono le orme dei padri: «Secondo le stime della Fipe-Confcommercio il 40% dei neoimprenditori ha meno di 35 anni e se proiettiamo il dato dal campione a tutto il territorio nazionale si può dire che 5.500 giovani hanno aperto nel periodo gennaio-settembre 2014 un bar, un bistrot, un ristorante o un take away. Se questo è il trend che si ricava dai dati disponibili e dall’osservazione quotidiana, l’interrogativo riguarda il tasso di sopravvivenza di queste nuove attività. Le associazioni non hanno dati certi, sanno che nel giro di due anni chiude il 27% dei nuovi esercizi e che questa percentuale sta salendo — a vista d’occhio — nel caso degli under 35».

L’infografica del Corriere su quanto costa aprire un ristorante

quanto costa aprire un ristorante
L’infografica del Corriere della Sera su quanto costa aprire un ristorante (2 febbraio 2015)