Attualità

Quando la quarantena rimane di 14 giorni

Nel caso dei contatti stretti di un positivo la quarantena rimarrà di 14 giorni a meno di effettuare il test dopo 10 giorni in isolamento e risultare negativi

quarantena a dieci giorni come stanno le cose

Con il nuovo DPCM Coronavirus di ottobre vengono recepite le indicazioni del CTS sulla riduzione della quarantena a 10 giorni. Per poter uscire dal periodo di isolamento sarà necessario un unico test del tampone negativo. Nel caso dei contatti stretti di un positivo la quarantena rimarrà di 14 giorni,scrive il Messaggero, a meno di effettuare il test:

I parenti, conviventi, colleghi di lavoro e tutti i contatti stretti di persone affette da infezione da SARS-CoV-2 confermati e identificati dalle autorità sanitarie, devono osservare un periodo di quarantena di 14 giorni dall’ultima esposizione al caso; oppure un periodo di quarantena di 10 giorni dall’ultima esposizione con un test antigenico o molecolare negativo effettuato il decimo giorno.

quarantena dieci giorni chi può farla come funziona

 

La Salute fa quattro raccomandazioni: 1) eseguire il test molecolare a fine quarantena a tutte le persone che vivono o entrano in contatto regolarmente con soggetti fragili e/o a rischio di complicanze; 2) prevedere accessi al test differenziati per i bambini; 3) non prevedere quarantena né l’esecuzione di test diagnostici nei contatti stretti di contatti stretti di caso (ovvero non vi sia stato nessun contatto diretto con il caso confermato), a meno che il contatto stretto del caso non risulti successivamente positivo ad eventuali test diagnostici o nel caso in cui, in base al giudizio delle autorità sanitarie, si renda opportuno uno screening di comunità; 4) promuovere l’uso della App Immuni per supportare le attività di contact tracing

Bisogna sottolineare che chi è positivo e ha sintomi potrebbe uscire dalla quarantena dopo 10 giorni, ma solo in un caso: quando il decimo giorno il tampone risulti negativo e il soggetto non abbia sintomi già da tre. L’isolamento ridotto è stato perciò pensato soprattutto per chi è asintomatico o si trova in quarantena come contatto stretto di un postivo. Inoltre chi non riesce a negativizzarsi nonostante sia guarito dopo 21 giorni potrà uscire comunque dalla quarantena. Per il CTS non è più contagioso

Leggi anche: Cosa c’è nel nuovo DPCM Coronavirus di ottobre firmato da Conte