Economia

A che punto siamo con il fondo da 300 miliardi di Juncker

Marco Zatterin sulla Stampa di oggi fa il punto sul fondo da 300 miliardi per gli investimenti targato Juncker che rischia di diventare l’araba fenice della crescita europea. Martedì, secondo il quotidiano, dovrebbero arrivare i primi vagiti del piano:

Venticinque capitali hanno sottoposto alla Task force CommissioneUe/Bei oltre 1800 dossier da finanziare coi 300 miliardi del Piano Investimenti che la squadra di Jean-Claude Juncker intende varare martedì. Sono reti di ogni sorta, piani sociali e ambientali, trame strutturali innovative. Il guaio è che devono essere studiati e tagliati: valgono 1.110 miliardi, dei quali solo 396 riguardano il 2015-17 al quale Bruxelles invitava far riferimento. Nella foga è arrivato tanto e anche niente, come nel caso della Germania. Si auspicavano idee transeuropee, ma Roma ha mandato di tutto, sono 400 i progetti nel testo consolidato, anche piccole tratte locali. «O noi ci siamo spiegati male – confessa una fonte Ue- ,oppure loro non hanno capito come funziona il Piano».

fondo juncker 300 miliardi
Il fondo da 300 miliardi di Juncker (La Stampa, 22 novembre 2014)

Leggi sull’argomento: Perché il piano da 300 miliardi di Juncker è aria fritta