Attualità

Piazzapulita e i «fannulloni» che non lo erano

piazzapulita furbetti cartellino roma

Qualche giorno fa Piazzapulita ha raccontato in un lungo servizio di Salvatore Gulisano e Chiara Billitteri (da noi ripreso) una storia inedita di “fannulloni” che veniva da “un comune delle Marche”.

I furbetti del cartellino a Piazzapulita di next-quotidiano
Nel video si racconta, a partire dal minuto 6 e 15, di una serie di dipendenti che secondo l’inviato dopo aver timbrato il cartellino se ne andavano dal posto di lavoro: «Questa dipendente dopo aver badegeato se ne va e sparisce in un vicolo. Pochi minuti dopo questa collega timbra e riesce subito dall’ingresso principale dove aveva lasciato la macchina; sale e sparisce. Anche questa dipendente con la giacca fucsia esce e si allontana. Lei, astutamente, la macchina non l’ha lasciata all’ingresso principale ma in una via laterale. Ed eccone un’altra che badgea, telefona e se ne va. E quest’altra si allontana di fretta: certo, c’è un accompagnatore che la aspetta in macchina!». Si mostra anche un uomo che dopo aver timbrato “si infila in un bar. Ma nei piccoli paesi, si sa, i ritmi sono molto rilassati”:
fannulloni dipendenti pubblici piazza pulita
Ma c’è un problema: Enrico Piergallini, sindaco di Grottammare, è comparso al Tg3 regionale per spiegare che nessuno di quei dipendenti immortalati nel servizio di Piazzapulita era un fannullone: «A Grottammare esiste solo una macchina marcatempo nel comune centrale e i dipendenti devono obbligatoriamente marcare l’entrata in questa macchina per poi dirigersi alle sedi distaccate, che sono il palazzo dell’anagrafe, la biblioteca comunale e la scuola Battisti per quanto riguarda la cuoche, che stanno dai 100 ai 200 metri, e lo possono fare a piedi o in bicicletta o in macchina».

I “fannulloni” di Grottammare di next-quotidiano
Il servizio quindi spiega che sarebbe bastato seguire i dipendenti nel loro tragitto per scoprire che non stavano scappando, ma si stavano recando all’effettivo luogo di lavoro. «Come la signora Marisa – racconta il pezzo di Riccardo Milletti – cuoca della scuola materna apparsa insieme alle altre colleghe nel servizio incriminato». Marisa Carmela è la donna che se ne va con “un accompagnatore che la aspetta in macchina” nel servizio di Piazzapulita. L’accompagnatore, spiega la cuoca, è il marito.
piazzapulita
Franco Pignotti è invece il dipendente che viene accusato di essere andato al bar dopo aver timbrato. Ma lui aveva timbrato in uscita per una regolare pausa caffè durante la quale aveva sbrigato anche faccende di lavoro.
piazzapulita 1