Attualità

Perché è improvvisamente scomparsa la pagina Facebook di Mama Africa Onlus

Perché è improvvisamente scomparsa la pagina Facebook di Mama Africa Onlus onlus pollena trocchia abusi sessuali arresto - 3

È stato arrestato ieri il presidente di una Onlus di Pollena Trocchia (Napoli). L’uomo, un 72enne fondatore e presidente di una Onlus finalizzata alla “assistenza umanitaria”, avrebbe costretto per 7 anni, tra il 2007 ed il 2014 un minorenne del Togo a compiere e subire atti sessuali. Le violenze si sarebbero svolte all’interno della casa famiglia presso la quale era ospite il minore a Togoville, in Africa.

Le violenze sessuali commesse in Togo da un cittadino italiano

A quanto si apprende uno degli operatori della Onlus, anch’egli italiano, si è accorto di strani atteggiamenti tra L.V. (queste le iniziali dell’arrestato) e un giovane ragazzo ospite del centro. Il volontario dell’associazione avrebbe segnalato il fatto alla polizia italiana che dopo le necessarie autorizzazioni internazionali ha portato a termine le indagini con il fermo del fondatore della Onlus.

onlus pollena trocchia abusi sessuali arresto - 1
Fonte

Contestualmente alla notizia dell’arresto molti utenti di Facebook hanno notato la scomparsa dal social network della pagina social di MamAfrica. Si tratta della pagina (da oltre 500mila “mi piace”) di una Onlus con sede a Pollena Trocchia e che gestisce una serie di progetti di cooperazione in Africa tra cui una casa-famiglia per 35 bambini orfani di entrambi i genitori e ragazzi di strada a Togoville. Prima che la pagina venisse oscurata (o cancellata) era stata pubblicata questa comunicazione da parte del direttivo dell’associazione Mama Africa Onlus: «Stiamo ricevendo molti messaggi e link sotto i nostri post, risponderemo a breve con un comunicato dei nostri legali». Contattata telefonicamente da NeXt Quotidiano la Onlus non ha voluto fornire ulteriori spiegazioni sulla vicenda né sulla scomparsa della pagina Facebook e ha ribadito che per ora le uniche comunicazioni con il pubblico e la stampa verranno curate dagli avvocati dell’associazione.

onlus pollena trocchia abusi sessuali arresto - 2

La notizia della chiusura della pagina di MamAfrica è stata accolta con una certa soddisfazione da parte della nutrita schiera di anti-immigrazionisti che hanno sempre definito gli operatori della Onlus “accoglioni” e amici dei clandestini che favoreggiano l’invasione (curiosamente aiutando gli africani a casa loro). A quanto pare una certa parte politica è contenta nello scoprire dell’esistenza di un presunto molestatore di bambini africani, soprattutto perché l’indagato dovrebbe essere uno degli odiati buonisti.

EDIT: Mama Africa Onlus ha diffuso un comunicato:

L’associazione Mama Africa Onlus, in relazione alle notizie di stampa che hanno riguardato la posizione del proprio fondatore prof. Enzo Liguoro e le vicissitudini giudiziarie che lo hanno portato a subire nei giorni scorsi una misura preventiva di limitazione della libertà personale per gravi accuse inerenti presunti abusi a carico di un minore, esprime la più profonda fiducia nel lavoro della Magistratura e degli inquirenti, certa che il Liguoro potrà chiarire nelle sedi competenti la completa estraneità alle ipotesi di reato contestate. È appena il caso di rilevare che, per motivi di trasparenza, il predetto ha inteso sin dall’avvio delle investigazioni nel 2017, dismettere ogni incarico dall’Associazione MAMA AFRICA. È opportuno anche rilevare che, il procedimento penale pende ancora nella fase delle indagini preliminari e che, pertanto, alcuna decisione in merito alla sua innocenza o colpevolezza risulta rassegnata dall’Autorità Giudiziaria. Quanto alla custodia preventiva, non va neanche sottaciuto che i giudici della cautela, si sono espressi in maniera contrastante in ordine alla sussistenza della gravità indiziaria. Infatti, il GIP di Nola, in prima istanza, ritenendo fondate le difese del Liguoro, respingeva la mozione cautelare, poi parzialmente accordata in seguito all’appello promosso dalla Procura di Nola. Tanto per significare che solo l’approfondimento processuale potrà fornire risposte adeguate agli interrogativi legittimamente sollevati. Nel contempo sin da ora si riserva ogni azione a tutela dell’immagine e dell’improprio utilizzo del nome della Onlus nei confronti di quanti hanno denigrato l’operato di essa sia nei social media che attraverso altri mezzi, nelle more della definizione del procedimento penale in corso e nel rispetto del principio per cui le difese e le allegazioni del caso vanno effettuate nel processo e nelle sedi di accertamento della fondatezza o meno di accuse. L’Associazione Mama Africa Onlus si riserva azioni future che verranno comunicate con tempestività alle autorità competenti.

Leggi sull’argomento: A Casal Bruciato “le famiglie assegnatarie sono italiane”. E ora che dice Casapound?