Economia

Perché Casaleggio non ha capito cosa ha detto Draghi

La profezia di Casaleggio

Ieri Gianroberto Casaleggio è intervenuto dal palco di Italia5Stelle per dire la sua su Monti, Letta e Renzi. Tutto è partito da un titolo di Repubblica che raccontava quanto detto dal governatore alla Brookings Istitutions di Washington: «Draghi: i governi senza riforme saranno cacciati. Allora Draghi è della Bce, non è il governo, questo signore è un banchiere e non ha alcun titolo per darci un ordine né diretto né indiretto. Qui siamo arrivati a dare a delle persone che non sono nemmeno portavoce, ma i nominati di Napolitano, non sono portavoce della Bce, ma portaordini della Bce. Eseguono e basta. Il mio bisnonno è morto sul Piave, mio nonno ha fatto il partigiano, la mia sovranità nazionale non la regalo a nessuno».

Solo che c’è un problema. Nelle dichiarazioni riportate da Elena Polidori, inviata negli Stati Uniti da Repubblica, c’è scritto chiaro e tondo quello che intendeva Draghi. Ovvero, che i governi saranno cacciati dagli elettori. Ovvero, dai sovrani di cui parlava proprio Casaleggio.

casaleggio draghi
Draghi al Brookings Institutes of Washington, articolo di Elena Polidori su Repubblica, 10 ottobre 2014

«Se i governi non faranno le cose giuste spariranno dalla scena politica perché non saranno rieletti», dice Draghi. Poi, parlando delle riforme strutturali: «Draghi non solo le rivendica ma spiega che «i governi sanno bene cosa fare, non hanno bisogno dei nostri consigli» Devono «semplicemente attuare le loro specifiche riforme nazionali». E devono muoversi con una certa sollecitudine. Tanto l’Italia che gli altri partner si ritrovano oggi in un contesto macro economico che non è certo dei migliori». Quindi è evidente che Draghi, per lo meno nell’occasione – e sicuramente non nell’altra occasione citata da Casaleggio nel discorso, ovvero la lettera della Bce che chiedeva le riforme a Tremonti e Berlusconi per fermare la crisi dello spread: quella invece fu un’ingerenza – non parlasse di rovesciamento della sovranità.