Fact checking

Per Luigi Di Maio la morte di Federico Bisceglia è già un complotto

Per Luigi Di Maio, componente del direttorio del MoVimento 5 Stelle e addirittura presidente della Camera, la morte di Federico Bisceglia è già un complotto. Scrive Di Maio:

Federico Bisceglia, sostituto procuratore di Napoli, era uno dei magistrati in prima linea per le indagini sui rifiuti e le violazioni ambientali nella Terra dei Fuochi.
E’ morto ieri in un incidente stradale sulla Salerno-Reggio Calabria: la sua auto si è scontrata contro le barriere laterali in un tratto rettilineo non interessato da lavori di ammodernamento, finendo fuori strada dopo alcuni testacoda.
La magistratura farà le sue indagini e spero riveli presto la verità. Ma su queste cose ho smesso di credere al caso. Quando si tratta di Terra dei Fuochi, di rifiuti e di violazioni ambientali, gli interessi in gioco sono internazionali. E chi indaga tocca sempre i fili dell’alta tensione.
La commistione tra politica, camorra e imprenditoria ha ormai creato uno “stato” alternativo che vede tra gli introiti più remunerativi proprio la gestione dei rifiuti.

luigi di maio federico bisceglia
LA MORTE DI FEDERICO BISCEGLIA
Bisceglia è morto in un incidente avvenuto nella notte sull’autostrada A3, nei pressi di Castrovillari. Nell’incidente stradale è rimasta ferita anche una seconda persona. I due erano a bordo di una Lancia K che, per cause ancora in corso di accertamento, è finita fuori strada. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale, i vigili del fuoco ed il personale del servizio 118. I reati ambientali nei molteplici profili e, tra le ultime indagini, quella relativa alla morte della piccola Fortuna, la bimba di 6 anni che precipitò dal balcone nel Parco Verde di Caivano (Napoli) e per la quale fu fermato un uomo l’accusa di aver abusato della bambina: sono alcune delle inchieste che hanno visto protagonista negli anni il sostituto procuratore Federico Bisceglia morto in un incidente avvenuto la notte scorsa sull’autostrada A3, nei pressi di Castrovillari (Cosenza). Da qualche tempo nella Procura di Napoli Nord, Bisceglia era uno stimato magistrato impegnato in diversi filoni legati ai rifiuti e alle violazioni ambientali, dalle vicende riguardanti la Terra dei Fuochi ed i rifiuti tossici agli sversamenti di liquami nel mare di Capri. Ambiente, ma non solo. Bisceglia si era occupato anche di altre questioni come gli appalti per la Coppa America. Il magistrato in incontri con studenti e cittadini in più occasioni illustrò la particolare pericolosità dei reati ambientali e le conseguenze sulla crescita civile.
 
IL MOVIMENTO 5 STELLE SI ASSOCIA
“L’improvvisa morte del pm Federico Bisceglia e’ una gravissima perdita per tutta la giustizia italiana. Le sue inchieste non devono essere abbandonate o insabbiate. Ci auguriamo, inoltre, che sia fatta piena luce sulla dinamica dell’incidente stradale che ne ha causato la morte”. E’ il gruppo M5S alla Camera a “ricordare e ringraziare l’impegno di Federico Bisceglia” e a sottolineare che “sarebbe inquietante una possibile connessione tra inchieste sulla Terra dei Fuochi e decessi di coloro che indagano su questo fenomeno”. “L’unanime cordoglio, a cui uniamo anche la nostra voce, fa comprendere come la giustizia sia sentita dai cittadini quando e’ rappresentata da uomini valorosi che non inseguono una gloria personale, un potere personale, ma sono espressione di servizio alla collettivita’”, dicono ancora i 5 Stelle.