La macchina del funky

Paolo Berdini dice sì alle Olimpiadi a Roma

paolo berdini stadio della roma

Paolo Berdini, assessore all’urbanistica della Giunta Raggi, va controcorrente e in un’intervista alla Stampa dice di essere favorevole alle Olimpiadi a Roma nel 2024 ad alcune condizioni. Dopo la quasi-ufficialità del no di Virginia Raggi alla manifestazione, l’assessore Berdini ribalta il tavolo: bisognerà capire se parla a titolo personale (e in quel caso, probabilmente verrà defenestrato in fretta) oppure se parla in accordo con la sindaca che ha cambiato linea nonostante i tanti elogi ricevuti dai militanti a 5 Stelle per il suo primo no. L’intervista è a firma di Ilario Lombardo:

Il M5S e la Raggi però sono stati chiari in campagna elettorale: «No alle Olimpiadi, a Roma servono interventi ordinari».
«Infatti: Olimpiadi non più come evento straordinario ma dell’ordinarietà, da cui può partire una nuova cultura urbana che servirà da esempio per i Giochi del futuro, lontano dal solito modello, ormai fallito».
Olimpiadi sì, quindi, ma a certe condizioni? Quali?
«Che le opere non siano il trionfo dell’incompiuto, com’è successo con Expo che è stata una devastazione. Perché, chiusi i sei mesi di circo Togni, non hanno saputo che fare dei 120 ettari urbanizzati a vuoto. Servono opere strutturali che parlino con la città».

paolo berdini olimpiadi roma
L’intervista di Paolo Berdini alla Stampa

Niente grandi opere?
«Può esserci spazio per una grande opera, ma al servizio della città e dei cittadini. Senza scartare il “gioiello”, come a Rio, devono essere le Olimpiadi di Roma, cioè delle linee metro, della messa in sicurezza degli impianti sportivi. Cambiando la prospettiva sarebbe un’iniezione di futuro per la città a partire da un evento che prima era solo dissipativo».
Pensa ci siano ancora possibilità per convincere Raggi a dire sì?
«Certo, in una decina di giorni decideremo. Io dico: utilizziamo le Olimpiadi come occasione per dare un nuovo volto alla città. Se sono Olimpiadi che cambiano la vita delle persone e opere che portano benessere, non vedo perché dire di no».