Opinioni

Paola Taverna contestata a Tor sapienza

«Noi non vogliamo esponenti politici, non vogliamo politici, non vogliamo accattonaggio di voti… e il MoVimento 5 Stelle che cos’è? La Caritas?»: così uno dei presenti alle case popolari di viale Morandi a Tor Sapienza, dove nei giorni scorsi un centro di accoglienza per immigrati minori è stato sgomberato per le proteste dei residenti, apostrofa la senatrice Paola Taverna del MoVimento 5 Stelle chiedendole di andarsene dal quartiere insieme ai consiglieri comunali grillini (tra cui l’ex candidato sindaco Marcello De Vito) che la accompagnavano.
paola taverna tor sapienza quarticciolo
Alla senatrice è stato negato l’ingresso all’assemblea dei cittadini perché «noi non vogliamo esponenti politici». Mentre un’altra all’inizio del video le dice: «Io lo so perché sei venuta, perché ti hanno dato cinque giorni di sospensione, sennò col caz… che stavi qua», riferendosi alle sanzioni del Senato dopo le intemperanze per lo sblocca-Italia. «Quando spengono i riflettori qui ve se dimenticano», ha risposto da par suo la Taverna. E poi: «Io so’ la gente der Quarticciolo». Altro che Anna Magnani!
Qualche tempo dopo la pubblicazione del video Roberta Lombardi, capogruppo alla Camera del MoVimento 5 Stelle ed eletta a Roma come la Taverna, scrive su Twitter che una delle due persone che parla con la senatrice grillina è Sandra Zammataro, ex candidata del Partito Democratico al Quinto Municipio di Roma.

Il video di Paola Taverna a Tor Sapienza da Youtube

Alessandro D'Amato

Il direttore di neXt Quotidiano