Attualità

L’ordinanza per le mascherine obbligatorie all’aperto nel Lazio

Nicola Zingaretti ha firmato l’ordinanza che prevede l’obbligo di mascherina anche all’aperto nel Lazio. Lo annuncia Alessio D’Amato, l’assessore alla Sanità, nel corso di una conferenza stampa congiunta con il presidente della Regione

ordinanza lazio mascherine obbligatorie all'aperto

Nicola Zingaretti ha firmato l’ordinanza che prevede l’obbligo di mascherina anche all’aperto nel Lazio. Lo annuncia Alessio D’Amato, l’assessore alla Sanità, nel corso di una conferenza stampa congiunta con il presidente della Regione.

L’ordinanza per le mascherine obbligatorie all’aperto nel Lazio

L’ordinanza, come spiega D’Amato durante la conferenza stampa allo Spallanzani prevede è l’obbligatorietà dell’uso della mascherina anche all’aperto con due esclusioni: ai minori sotto i sei anni e i portatori di patologie incompatibili con l’uso delle mascherine e l’altra a chi svolge attività motoria. L’ordinanza è in vigore da domani 3 ottobre. Zingaretti esclude, per ora, la chiusura anticipata di bar e ristoranti nel Lazio. Chi violerà l’obbligo dell’uso della mascherina sarà sottoposto alle multe previste.

D’amato, che spiega che il motore del contagio non sono le scuole, dove si registrano 290 casi di positività al Coronavirus spiega riguardo al vaccino antiinfluenzale: “Le scorte sono sufficienti e invito i cittadini a prenotare. Come Regione Lazio mettiamo a disposizione delle farmacie. Ci saranno 100mila dosi, le prime 20mila a partire dal 15 di ottobre, 20mila ogni settimana, con la possibilità di somministrare il vaccino anche presso le stesse farmacie”.

 

ordinanza lazio mascherine obbligatorie all'aperto

Zingaretti annuncia anche l’acquisto dei test salivari per le scuole: “É una novità molto rilevante. Abbiamo acquistato un milione test salivari che, essendo meno invasivi, consentono di iniziare la prossima settimana dalle scuole con bambini più piccoli mentre alle superiori continuano i tamponi rapidi”.

Leggi anche: Seconda ondata COVID-19: cosa ci aspetta nei prossimi mesi?