Fatti

Trovato morto il presunto assassino di Jenny Cantarero

Il 30enne era ricercato per l’omicidio della giovane mamma freddata con alcuni colpi d’arma da fuoco a Misterbianco, in provincia di Catania

Jenny Cantarero

Una svolta nelle indagini sull’omicidio di Giovanna “Jenny” Cantarero. Questa mattina, in un capannone in campagna – nella provincia di Catania – è stato trovato il corpo senza vita del 30enne con cui la giovane mamma siciliana aveva avuto una relazione definita “burrascosa”. L’uomo, secondo le prime indiscrezioni, si sarebbe ucciso sparandosi con la stessa pistola utilizzata per uccidere a Lineri, una frazione di Misterbianco (nel Catanese), all’uscita dal panificio in cui lavorava.

Jenny Cantarero, trovato morto il presunto assassino della 27enne siciliana

Come riporta l’agenzia AdnKronos, le ricerche del 30enne – unico indiziato per l’omicidio di Jenny Cantarero – si erano fatte sempre più stringenti nelle ultime ore. L’uomo (che non è l’ex compagno con cui la giovane aveva avuto una figlia, oggi di 4 anni) aveva, infatti, fatto perdere le proprie tracce dalla sera del 10 dicembre scorso, quando la 27enne venne freddata con tre colpi di pistola (uno l’ha colpita alla testa) mentre si trovava fuori dal panificio in cui lavorava. Mentre stava aspettando una sua collega per tornare a casa.

Il cadavere dell’uomo si trova in un casolare abbandonato del villaggio turistico ‘Campo di Mare’. Sul posto i carabinieri del comando provinciale di Catania.

Ed è lì che che le forze dell’ordine sono arrivate e hanno trovato il corpo senza vita dell’uomo ricercato come presunto omicida di Jenny Cantarero.

Le analogie con il caso Vanessa Zappalà

Una storia, anche per l’epilogo, che assomiglia sempre di più a quella dell’omicidio di Vanessa Zappalà dello scorso agosto. Anche in quell’occasione, la vittima era stata uccisa dell’ex compagno. E, come accaduto oggi in provincia di Catania, la persona ricercata per quel delitto si è tolta la vita in un capannone. Due vicende che raccontano una storia analoga: la conclusione, nel sangue, di una relazione “burrascosa” e gli assassini che si tolgono la vita. Lontano dagli occhi di tutti.