Politica

Obbligo vaccinale per over 60 e fragili? Le ipotesi del governo

In vista del prossimo Consiglio dei Ministri, il governo studia l’ipotesi di imporre l’obbligo vaccinale a tutti gli over 60

vaccino over 60 obbligo vaccinale

Dopo insegnanti, membri delle forze dell’ordine e personale sanitario, la prossima categoria per la quale potrebbe essere disposto l’obbligo vaccinale in Italia è quella degli over 60: soggetti fragili, per i quali l’immunizzazione è fortemente consigliata perché previene il rischio di sviluppare la malattia in forma grave e di finire in ospedale. Secondo alcune stime sono 1,2 milioni gli italiani in questa fascia d’età ancora senza iniezione, e sono quelli che affollano ospedali e terapie intensive, determinando anche il cambio di colore delle regioni.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha fatto nel pomeriggio il punto con i ministri Roberto Speranza, Patrizio Bianchi, Roberto Brunetta e con il commissario Francesco Figliuolo in vista del Consiglio dei ministri che si dovrebbe tenere mercoledì pomeriggio. Come avvenuto negli ultimi tempi, il Cdm potrebbe essere preceduto da una cabina di regia politica da estendere ai capi di maggioranza e agli esperti del Comitato tecnico scientifico, visto che la linea seguita da Draghi è quella di decidere sulla base dei dati.

Il governo pensa a un obbligo vaccinale per fragili e over 60

La bozza del nuovo decreto contiene già l’obbligo per gli over 60, con sanzioni per chi non si attiene, ma ci sono alcune criticità: con l’intento di tutelare la loro salute, ci si troverebbe a punire anziani e pensionati. Contro questa ipotesi si è schierata Forza Italia, che invece spinge per l’obbligo di Super Green Pass da estendere a tutti i lavoratori. L’ex azzurro, ora governatore della Liguria e fondatore di “Cambiamo” Giovanni Toti, in un post su Facebook si è schierato apertamente a favore della misura: “Le abbiamo provate tutte – ha scritto – ma a questo punto non resta che l’obbligo vaccinale per tutti i lavoratori e i soggetti più fragili che ancora non hanno fatto il vaccino per scelta (cosa che non vale ovviamente per chi ha validi motivi medici che glielo impediscono). Con i miei colleghi presidenti di Regione abbiamo avanzato al Governo la richiesta di intervenire al più presto per fronteggiare il picco dei contagi previsto per la fine di gennaio”.

Il Super Green Pass per tutti i lavoratori vede la contrarietà della Lega, non convince il M5S e suscita dubbi anche nel Pd, che preme invece per l’obbligo vaccinale. Il Carroccio non si opporrebbero invece all’obbligo di vaccino per le categorie fragili.