Tecnologia

Nudi su Ello? Fuck yeah

Ello ci prova dove Google Plus (ma anche Diaspora) ha fallito: vuole creare un social network realmente alternativo a Facebook. Per raggiungere quest’obbiettivo i creatori di Ello hanno intenzione di creare un social network che sia diverso sotto ogni aspetto dal modello Facebook.
 
LA PRIVACY E LA LIBERTÀ DEGLI UTENTI
Fin dall’inizio Ello ha dichiarato di avere un approccio diverso al social networking: Ello non terrà traccia dell’attività degli utenti per poi monetizzare i dati raccolti e poterli rivendere a terzi. L’idea di social network è quella invece di uno strumento dove poter creare connessioni, conoscere amici (per davvero!1) e dare spazio alla propria creatività. Una delle parole chiave è trasparenza, l’altra è partnership quella tra i creatori del nuovo social e i suoi utenti. Il manifesto di Ello diventa così unna sorta di “nuova alleanza” tra gestori e utenti. Ello vuole essere un luogo della Rete dove a ciascuno è permesso di essere sé stesso, creandosi l’identità che preferisce, ma senza invadere la la privacy e la sfera di libertà altrui. Per questo non saranno tollerati comportamenti aggressivi e violenti, razzismo e incitamento all’odio e naturalmente spam e materiale illegale.
 
NIENTE ADS
La differenza principale con Facebook è che Ello non cercherà di vendervi prodotti come fa Facebook. Non cercherà nemmeno di usare i dati raccolti su di voi e di venderli (o vendervi) a compagnie pubblicitarie o altre compagnie interessate a fare profiling degli utenti per le loro campagne di marketing. Mentre gli altri social network vengono finanziati dalle inserzioni pubblicitarie (e quindi vengono condizionati dalle logiche di mercato di chi piazza gli ads) Ello non avrà pubblicità. Non è certo il primo social che parte con quest’idea radicale, ma cosa succederà fra qualche tempo? Ello farà come Twitter, Facebook e gli altri che all’inizio erano ads-free e ora invece sono tappezzati dai banner pubblicitari? Lo staff promette di no, e invita gli utenti ad andarsene qualora accadesse. Ma come si finanzierà il sito? L’iscrizione sarà a pagamento? Se da un lato i creatori dichiarano che Ello sarà gratis (e lo sarà per sempre, come dice anche Facebook) hanno annunciato che a breve verranno offerte delle caratteristiche “speciali” che gli utenti potranno acquistare per poterle aggiungere al proprio account. Le features principali saranno senza alcun costo aggiuntivo, per le altre bisognerà pagare qualcosa. In questo modo si finanzierà anche il social network consentendogli di rimanere senza pubblicità.
 

Un sogno che diventa realtà, su ELLO. (via funnyjunk)
Un sogno che diventa realtà, su ELLO. (via funnyjunk)

 
LA PBC
Il 23 ottobre Ello è diventata una Public Benefit Corporation (PBC). Questa decisione è stata presa per far capire che il sito non ha alcuna intenzione di fare soldi sulla pelle (i dati) degli utenti. In questo modo Ello non potrà (a meno di cambiare ragione sociale) vendere ads per trarne profitto. Le PBC sono un particolare modello di compagnia commerciale che possono creare profitto solo tenendo conto del loro impatto sulla società nel suo complesso: in questo modo Ello si è data alcune nuove regole che le impediranno di guadagnare denaro: vendendo i dati degli utenti a terze parti, prendere accordi con società di marketing per inserire ads sul sito e infine in caso di acquisizione del sito da parte di un’altra compagnia l’acquirente sarà tenuto a mantenere le regole adottate da Ello come PBC.
 
I PROFILI NSFW
L’ultima novità è la possibilità di impostare il proprio profilo come Not Suitable for Work. Attivando questa nuova funzionalità sarà possibile fare l’impensabile su Facebook: postare contenuti sessualmente espliciti, rispettando il diritto degli utenti a non vedere materiale NSFW sul proprio Ello. L’invio è in ogni caso quello di non usare il social network per postare solo immagini o contenuti NSFW, perché ci sono altri siti che già sono dediti solo a quello, In ogni caso se lo vorrete fare sarà possibile e nessuno vi segnalerà o vi bannerà per questo. Ci vediamo su Ello.