Economia

Nigel Farage e quell'errore sulla Brexit che costerà caro agli inglesi

Giovanni Drogo|

nigel farage nhs leave 350 milioni - 10

C’è solo una persona che ha vinto il referendum sull’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea: Nigel Farage. C’è solo un partito che ne esce rafforzato: l’UKIP. Certo, Boris Johnson era anche lui tra i sostenitori del Leave ma il suo partito – i Tories – è spaccato, il Primo Ministro David Cameron ha annunciato le dimissioni e non c’è dubbio che la situazione di fatto lasci gli elettori conservatori nelle mani di Farage: l’uomo che li ha condotti all’Indipendenza.
nigel farage nhs leave 350 milioni - 2

La campagna  per il Leave e il grande National Health Scam

C’è un problema però, quell’uomo è un bugiardo. Così come lo sono tutti i politici che durante questi mesi di campagna referendaria hanno sostenuto che l’uscita dall’UE avrebbe consentito al Regno Unito di risparmiare 350 milioni di sterline che il Paese “invia” settimanalmente all’Unione Europea. Soldi che sarebbero invece stati più proficuamente impiegati nel mantenimento del sistema sanitario nazionale (National Health Service – NHS). Il primo problema è che questa cifra è sbagliata, perché parte dal presupposto che il Regno Unito paghi annualmente 18 miliardi di sterline come “tassa” per la permanenza nell’Unione. In realtà in virtù di alcuni accordi particolari stipulati da Margareth Thatcher ai britannici l’Europa applica uno sconto immediato di 5 miliardi di sterline il che equivale ad un “costo” di 250 milioni di sterline a settimana. Senza contare ovviamente il fatto che parte di questi soldi (ogni paese membro è tenuto a versarne) torna indietro sotto forma di sussidi e finanziamenti per un totale che si aggira intorno ai cinque miliardi di sterline. Restano quindi all’incirca 7,1 miliardi di sterline di “costi netti” per la permanenza dell’UK nell’Unione, il che equivale a circa 136 milioni di sterline a settimana, ovvero il 40% di quanto sostenevano i promotori della Brexit. Questo è stato detto ovunque per mesi, sui giornali, dall’Istituto nazionale di Statistica e da organismi di controllo indipendenti. Si potrebbe dire che era un fatto acclarato sul quale non ci poteva essere ombra di dubbio. Ma cosa ha fatto il comitato promotore del Leave? Un enorme autobus che portava in giro Boris Johnson dove campeggiava la scritta “mandiamo 350 milioni di sterline all’Unione Europea, usiamoli per finanziare il NHS invece!”

nigel farage nhs leave 350 milioni - 1
Boris Johnson durante la campagna per il Leave

Ora, si potrebbe tranquillamente affermare che una promessa basata su un fatto che non esiste sostanzialmente non esiste. Posso promettere ad un mio amico di restituirgli i cinquanta euro che mi ha prestato quando torno a casa ma se in realtà ne ho solo 10 difficilmente vedrà quei soldi. Anche perché probabilmente sulla strada di casa mi fermo a bermi una pinta al pub, giusto per festeggiare. Anzi, una gliela offro anche a lui. Ci sono pochi dubbi che i sostenitori del Leave abbiano usato l’impressionante costo della permanenza nell’UE, assieme al problema dei migranti (fun fact: ora il Regno Unito si trova 400 milioni di potenziali immigrati direttamente sotto casa), come arma per vincere questo referendum. L’Europa sottraeva risorse al sistema sanitario nazionale, gli immigrati che arrivavano “grazie all’Europa” sottraevano ulteriori risorse all’NHS. l’Europa vuole prendere controllo del sistema sanitario, le normative europee impediscono di utilizzare nuovi farmaci salva vita.
nigel farage nhs leave 350 milioni - 3
C’era poi il problema che il NHS doveva essere “solo per gli inglesi” mentre all’interno della UE è possibile per tutti i cittadini europei di usufruire delle prestazioni sanitarie della sanità pubblica degli stati membri. Non gratis però, visto che poi il sistema sanitario di provenienza paga il costo della prestazione. Questo accade per i turisti ma anche per coloro che si godono la pensione all’estero come i pensionati inglesi o quelli italiani “scappati dal fisco” così coccolati di recente dai programmi condotti da Del Debbio o Paragone. Ma quando la campagna è così:
nigel farage nhs leave 350 milioni - 4
o su questi toni
nigel farage nhs leave 350 milioni - 5
E si insiste sul fatto che bisogna “prendere il controllo” e guadagnare la propria autonomia non si può negare che più di qualcuno si sia fatto convincere.

Oppure questo
nigel farage nhs leave 350 milioni - 9
Volantino ufficiale campagna Leave.eu

Difficile negare che Farage non abbia fatto promesse simili usando argomenti simili a quelle di Vote Leave. Del resto non si può nemmeno negare che Farage abbia approfittato della campagna portata avanti da Vote Leave per fare il freerider all’interno della propaganda dei Tories.