Attualità

La neonata trovata morta sul Tevere forse uccisa con una bastonata

Uno dei sospetti di chi indaga è che possa trattarsi di una prostituta a cui è stata sottratta, uccisa e gettata via come un sacchetto di rifiuti la bimba appena venuta alla luce, per rimandarla subito sulla strada

mezzocammino tevere neonato ristorante anaconda 1

La neonata trovata morta ieri a Mezzocammino vicino al ristorante Anaconda dopo la segnalazione di un pescatore forse è stata uccisa con una bastonata. Lo scrive oggi Il Messaggero, che racconta che il corpicino era stato legato e ancorato alla vegetazione lungo gli argini da Cesare Bergamini, il pescatore d’anguille reso famoso dal film “Sacro Gra”, che poi ha aspettato i soccorritori per accompagnarli sul luogo.

La neonata trovata morta sul Tevere forse uccisa con una bastonata

La piccola è stata recuperata dai pompieri e adagiata sul battello di un vecchio ristorante dismesso, l’Anaconda, sotto il ponte monumentale di Mezzocammino sul Tevere. «Dietro la nuca era tutta arrossata come se avesse i segni di un colpo, di una contusione», ha spiegato il pescatore. Anche se forse si trattava del sangue, fuoriuscito copiosamente. Ma ancora non è chiaro se la piccola sia stata gettata in acqua ancora viva o sia stata addirittura uccisa prima. Di sicuro, ha stabilito il medico legale, aveva respirato. Sarà l’autopsia a chiarire se la bimba avesse ingerito acqua nei polmoni o meno.

mezzocammino tevere neonato ristorante anaconda

Scrive il quotidiano:

Sono stati allertati tutti gli ospedali e i presidi sanitari che possano avere accettato nelle ultime 24/48 ore una donna con sintomi compatibili con un parto o che, con una gravidanza imminente, sia tornata a casa. Quindi, da ieri pomeriggio, sono stati passati al setaccio gli accampamenti e le baraccopoli lungo il fiume, specie nella tratta che va da Marconi al viadotto della Magliana nel tentativo di trovare tracce o informazioni utili.

E si stanno esaminando i filmati delle telecamere in prossimità di ponti e approdi. L’ipotesi, infatti, è che il corpicino sia stato gettato in acqua nella mattinata e che, a 7/8 nodi orari di corrente, sia arrivato fino a Centro Giano.

Uno dei sospetti di chi indaga è che possa trattarsi di una prostituta a cui è stata sottratta, uccisa e gettata via come un sacchetto di rifiuti la bimba appena venuta alla luce, per rimandarla subito sulla strada.

Leggi anche: La gaffe di Raggi che va all’impianto di Rida sbagliato per attaccare Zingaretti