Fact checking

Il morbillo torna in Messico grazie agli italiani

morbillo messico italiani - 4

I primi tre casi di morbillo in Messico (paese che ha debellato la malattia nel 1996) del 2018 sono italiani. A scriverlo è il Ministero della Salute messicano in una nota diffusa ieri dove si dà notizia dell’identificazione di tre casi di infezione da morbillo. A confermarlo è il Sistema Nacional de Vigilancia Epidemiológica (SINAVE) che fa sapere che le tre persone infette dalla malattia che in Messico era stata dichiarata eliminata ventidue anni fa sono di origine italiana. Il sospetto è che la malattia sia stata “importata” dal nostro Paese dove i 5.004 casi registrati nel 2017 si vanno ad aggiungere ai 164 segnalati dal 1 al 31 gennaio 2018.

I tre casi di morbillo a Città del Messico

Il Ministro della Salute messicano ha confermato che a Città del Messico sono stati identificati tre casi di morbillo. Ad aver contratto la malattia sono una donna di 39 anni, di origine italiana che abita a Città del Messico dal 2007, il figlio della donna, di meno di un anno di età che quindi non era ancora stato vaccinato (perché la vaccinazione viene effettuata ad un’età diversa da quella attuale). Il terzo caso corrisponde ad un’altra donna, di e 48 anni che si prende cura del bambino. Le analisi dell’Instituto de Diagnóstico y Referencia Epidemiológico (InDRE) hanno stabilito che si tratta di morbillo e al momento si tratta di tre casi asintomatici.

morbillo messico italiani - 1
Fonte 

Dal momento non è chiaro in che modo sia avvenuto il contagio. Quello che è certo, scrive il Ministero, è che si tratta sicuramente di un caso di “importazione” o “associati ad importazione” del virus in virtù della totale scomparsa del morbillo nel paese centroamericano negli ultimi anni. Stando a quanto riferiscono i media locali il sottosegretario alla Salute Pablo Kuri Morales ha spiegato che in Italia sono stati registrati numerosi casi di morbillo nel corso dell’ultimo anno e dal momento che la madre del bambino lavora presso l’Ambasciata italiana in Messico è probabile che abbia contratto il morbillo dopo essere venuta in contatto con cittadini italiani.

L’ultimo caso autoctono di morbillo registrato in Messico risale al 1995. Nel periodo tra il 1996 e il 2017 sono stati riportati 176 casi, tutti classificati come casi “d’importazione”. Anche la Organización Panamericana de la Salud (OPS) ha confermato che i tre casi di morbillo di Città del Messico sono da considerarsi dovuti all’importazione del virus da parte di una persona di provenienza straniera. Il Ministero della Salute rende noto che la circolazione del virus del Morbillo nel Paese è stata fermata grazie all’efficacia del sistema nazionale di vaccinazioni (lo schema vaccinale messicano è uno dei più completi al mondo). Il Messico il vaccino contro il morbillo (ma anche contro altre malattie) è obbligatorio. Se funziona lì, perché non dovrebbe funzionare in Italia?