Sport

Michel Platini fermato per corruzione

michel platini

L’ex presidente della Uefa, Michel Platini, è stato fermato dalla polizia francese per le accuse di corruzione per l’assegnazione dei Mondiali di calcio al Qatar. Lo scrive il sito francese Mediapart.

Michel Platini fermato per corruzione

Platini si trova a Nanterre negli uffici della polizia giudiziaria, mentre Claude Gueant, ex braccio destro di Nicolas Sarkozy, viene sentito a piede libero. Il PNF, ovvero l’ufficio che indaga sulle frodi in Francia, ha assunto il controllo dell’indagine. Alla base dell’inchiesta c’è l’incontro organizzato il 23 novembre 2010 tra Sarkozy eTamim bin Hamad al-Thani, principe ereditario del Qatar ed emiro dal 2013. Con l’ex campione della Juventus è stata posta in stato di fermo anche Sophie Dion, consigliera allo Sport di Nicolas Sarkozy all’epoca in cui questi era presidente della Repubblica.

mediapart platini

La cena decisiva tra i due sarebbe effettivamente avvenuta il 2 dicembre 2010 a Zurigo, un mese prima che la Fifa assegnasse allo stato arabo la competizione. Qualche giorno dopo la cena segreta con Hammam (ma sempre prima della decisione della Fifa), Platini aveva partecipato a un’altra cena, questa volta all’Eliseo a Parigi, con il presidente Sarkozy, l’emiro del Qatar e il primo ministro dell’emirato. Il presidente della Uefa, in un’intervista a un giornale spagnolo, aveva dichiarato “affermo categoricamente che il presidente Sarkozy non mi ha domandato di votare perché il Qatar ospitasse i Mondiali 2022, né prima, né durante, né dopo quell’incontro”. Il quotidiano britannico Sunday Times ha scritto che Bin Hammam avrebbe versato più di cinque milioni di dollari in tangenti ai vertici del calcio internazionale perché dessero il Mondiale del 2022 al Qatar.

L’inchiesta del Pnf ha preso il via nel 2016 e Platini – che ha ammesso in passato di aver votato in favore del Qatar nel dicembre del 2010 – era già stato ascoltato come testimone nel 2017. Il Pnf, sottolinea Le Monde, si interessa in particolare al pranzo organizzato il 23 novembre 2010 all’Eliseo, in presenza di Sarkozy, Platini, dell’attuale emiro qatarino Tamim Ben Hamad Al Thani e dell’allora primo ministro Hamad Ben Jassem. A quel pranzo, continua Le Monde citando proprie fonti, erano presenti anche Dion e Guéant. Guéant è già stato condannato in passato per sottrazione di fondi pubblici e chiamato direttamente in causa nella vicenda dei presunti finanziamenti di Muammar Gheddafi alla campagna per le presidenziali di Sarkozy nel 2007, vicenda per la quale lo stesso ex presidente è finito sotto inchiesta.

Leggi anche: Il nome di Cosimo Ferri nelle intercettazioni per far chiudere Annozero