Attualità

«Metro A e B, rischio incendio»

Le stazioni delle linee A e B della metropolitana di Roma «rischiano di essere chiuse d’ufficio dai vigili del fuoco, perché non corrispondono alla normativa». L’allarme arriva da Pasquale Cialdini, ormai ex amministratore delegato di Roma Metropolitane (oggi formalizzerà le sue dimissioni), durante l’audizione alla commissione trasparenza dell’assemblea capitolina ed è riportato dal Messaggero:

«È cambiata la normativa antincendio», sottolinea Cialdini, spiegando così la possibile chiusura delle fermate. «La linea A e la linea B della metropolitana dal punto di vista della manutenzione presentano gravi arretratezze e hanno bisogno di manutenzione – incalza il manager – Immaginate cosa accadrebbe al traffico se le due linee dovessero essere chiuse?».

L’allarme lanciato dal dimissionario ad di Roma Metropolitane rende inevitabile una presa di posizione da parte del Campidoglio. Linda Meleo utilizza un video su Facebook per gettare acqua sul fuoco: «Non c’è alcun tipo di allarme e rischio che le metropolitane A e B possano essere chiuse – sostiene l’assessore capitolino alla mobilità – Siamo già a lavoro sia con fondi disponibili da parte di Roma Capitale, sia del ministero dei Trasporti, per adeguarci alla normativa antincendio. Non c’è alcun pericolo».

flambus atac via tritone esplosione cause - 1
Foto di El Giva

La replica della responsabile della mobilità dell’amministrazione comunale, non basta a spegnere l’allarme su un’ipotesi che, qualora si verificasse, avrebbe conseguenze nefaste sul sistema del trasporto pubblico romano: le linee A e B della metro della Capitale trasportano ogni giorno 800mila passeggeri di media, quasi 300 milioni l’anno.

Leggi sull’argomento: Il piano nascosto del M5S per lasciare Virginia Raggi al Comune di Roma