Politica

Matteo Brambilla si è accorto della magnitudo ribassata ma non che è una bufala

matteo brambilla magnitudo terremoto - 1

C’è una cosa che si può e si deve rimproverare a coloro che fanno parte di un partito che ha fondato la sua essenza e la sua giustificazione sulla Rete: l’incapacità di usare la Rete per informarsi e informare il proprio elettorato, diffondendo messaggi e contenuti virali privi di fondamento senza prima effettuare un controllo delle fonti per verificare la veridicità delle affermazioni. Dal Movimento 5 Stelle è lecito e doveroso non solo aspettarsi trasparenza decisionale (aspetto sul quale sono carenti quanto se non di più degli altri partiti) ma anche la capacità di utilizzare quello strumento grazie al quale sostengono di essere stati generati.
 
matteo brambilla magnitudo terremoto - 2

Ho fatto 6.0, lascio?

A volte, leggendo certe dichiarazioni, sembra quasi che “la Rete” sia un oggetto ancora troppo misterioso per certi Cinque Stelle. Lo è senza dubbio per Matteo Brambilla (che per inciso di professione fa l’ingegnere), che per il M5S  è stato candidato alla poltrona di Sindaco di Napoli durante l’ultima tornata delle amministrative. L’esponente pentastellato partenopeo è cascato oggi (26 agosto ore 11:40) nella grande bufala del Governo che fa abbassare la magnitudo per non pagare i danni e farli risarcire agli enti locali. Bufala secondo la quale si tratterebbe di una legge voluta dal Governo Monti (ma come abbiamo scritto ieri non è così). Scriveva Brambilla sulla sua pagina Facebook:

Mi sono accorto di una cosa. Sul canale 141 , c’è la rete Allnews francese e nel serpentone c’è scritto terremoto 6.2; tutte leTV straniere e stampa 6.2 . Mentre le TV italiane e istituto di geofisica scrivono e parlano di magnitudo 6.0. Il sito della geofisica europea scrive 6.2. A pensar male si fa peccato ma la legge voluta da Monti per il terremoto dell’Emilia dice che se un terremoto supera il 6.1 i danni li paga lo stato; se non li supera li pagano gli enti locali.
A voi le conclusioni; per me, se confermato, saremmo di fronte a degli infami!!!!

A Brambilla  non la si fa e si affretta a dare degli infami ai nostri governanti che le trovano tutte (ma proprio tutte eh) per potere fregare i cittadini italiani. La cosa divertente è che il testo del post di Brambilla non è nemmeno frutto della sua intelligenza, visto che si tratta di un messaggio condiviso da molti esperti di geofisica e vulcanologia con laurea conseguita presso l’università dell’onestà. Lo faceva notare alle 10:13 di questa mattina proprio Enrico Mentana che su Facebook riportava l’esatta frase postata da Brambilla.
matteo brambilla magnitudo terremoto - 4
Come ha fatto Mentana a sapere cosa avrebbe scritto il candidato sindaco a Cinque Stelle addirittura un’ora prima? Semplice perché “quell’enorme fesseria secondo cui l’intensità del terremoto sarebbe stata limata ad arte dal nostro istituto di geofisica per permettere allo stato di non pagare i danni” circola da un paio di giorni esattamente nella stessa forma con le stesse esatte parole riportate da Brambilla, che non solo non ha avuto l’intelligenza di verificare la notizia ma nemmeno ha avuto la decenza di dichiarare che quel “ragionamento” non era farina del suo sacco ma frutto di un copia incolla disperato.
matteo brambilla magnitudo terremoto - 3
Immediatamente criticato da alcuni utenti Brambilla – prima di cancellare il post per manifesta inferiorità – ha pubblicato anche quattro precisazioni una più divertente dell’altra. La prima:

precisazioni: 1) si differenzia tra magnitudo ed intensità del sisma, cioè i danni creati sul posto.

Ovvero Brambilla sosteneva di sapere la differenza tra magnitudo (misurata sulla scala Richter) e intensità (misurata sulla scala Mercalli)

precisazione 2) monti con decreto successivo sbloccò i fondi per il terremoto del 2012

Ovvero Brambilla ammette che Monti alla fine i danni li aveva risarciti al 100%

precisazione 3) non ho dato per vera la notizia, ma vorrei fare una considerazione. perchè definire un limite sotto il quale pagano gli enti locali (che non hanno soldi) esopra il quale paga lo stato? i danni non li provoca solo la magnitudo ma il come ed il dove sono costruite le case. Perchè fu fatta questa discriminazione? perchè mancavano soldi, e perchè non viene mai fatta vera prevenzione e studio di tuttoil territorio nazionale, e perchè qualcuno, come detto da vespa nel suo bel salotto televisivo, ogni volta guadagna sulle tragedie, che sono viste come “possibilità di rilancio e crescita economica”.

Questa è dove, Brambilla si arrampica sugli specchi e sostiene di non aver dato per vera la notizia (nemmeno ha detto che ha dubbi che non lo sia), ma intanto dal suo post non si evince che è una notizia ma una considerazione personale (“mi sono accorto”) e ovviamente, come tutti i furbetti, lascia agli altri le conclusioni. Ma la sua opinione ci tiene a dirla lo stesso: “per me, se confermato, saremmo di fronte a degli infami!!!!” con quattro punti esclamativi. La conclusione è un grande classico ad effetto contro “tutti quelli che ci mangiano sulle tragedie” (signora mia!)

precisazione 4) per i troll e vari: ormai dovreste conoscermi…sono uno che va a fondo delle cose, quindi stste sereni…

La quarta è la migliore, rivolta “ai troll” , ovvero a tutti coloro che lo criticano e gli fanno notare che ha scritto una cazzata. Brambilla è uno che va a fondo delle cose, quindi state sereni. Il che significa che prima di postare è andato a fondo della questione, l’ha approfondita ed è convito che sia così (il che contraddice la precedente ma sono solo dettagli da troll). E sì che per andare a fondo nella questione sarebbe bastato leggere il post di Mentana, ma evidentemente non lo ha fatto.