Politica

L’ex gestore di bar che controlla i dossier di Toninelli

decreto genova coperture toninelli - 1

Lui si chiama Massimo Casiraghi, ha 34 anni, è stato candidato sindaco a Lodi per il MoVimento 5 Stelle senza arrivare al ballottaggio e oggi ha un nuovo mestiere: è stato assunto nella segreteria del ministero delle Infrastrutture guidato da Danilo Toninelli per studiare i dossier e filtrare gli appuntamenti del grillino più amato dagli operai dei cantieri.

L’ex barista che controlla i dossier di Toninelli

Pasquale Napoletano, che racconta la storia oggi sul Giornale, dice che il suo compenso non è pubblico ma basta recuperare gli stipendi dei collaboratori delle segreterie degli altri componenti dell’esecutivo Conte: la somma oscilla tra i 25mila e 45mila euro l’anno. In realtà l’ex barista piazzato da Toninelli potrebbe svolgere le mansioni anche a titolo gratuito. Ma questo è un aspetto che solo il diretto interessato potrà chiarire. A firmare il decreto di nomina è stato GinoS caccia, capo di gabinetto del ministro.

Spulciando le due pagine di curriculum, consegnate nelle mani dei funzionari degli uffici del ministero Infrastrutture, saltano fuori due informazioni interessanti. La prima: Casiraghi prima di assumere l’incarico non aveva avuto altre esperienze ai vertici della Pubblica amministrazione. Mentre può vantare,in passato, un impegno come capobarista in una caffetteria londinese.

Tra le mansioni la gestione del bar, l’avviamento del personale (come si preparano caffè e colazione) e la chiusura della cassa. Quest’ultima attività, magari, sarà stata utile al ministro Toninelli, quando avrà studiato il dossier costi-benefici sulla Tav. Certamente, Casiraghi avrà avuto più confidenza con i numeri, rispetto al capo ministro. E sarà stato un prezioso consulente per comprendere le cifre (vere) dello studio sull’alta velocità.

Lo staffista di Toninelli si è specializzato in grafica e comunicazione prima di candidarsi con il M5S come sindaco di Lodi, nel collegio elettorale di Toninelli. Venne eletto consigliere comunale. Ora il salto al ministero.

Leggi anche: Di Maio, Salvini, Meloni: prove tecniche di alleanza