Sport

Mario Sconcerti sul tifoso dell'Inter aggredito: "La frustrazione è un'attenuante, una volta c'era il delitto d'onore" | VIDEO

Asia Buconi|

mario sconcerti

Sabato scorso, durante l’anticipo di Serie A Fiorentina-Inter, terminato col successo degli ospiti, un tifoso nerazzurro presente nella gradinata Maratona è stato aggredito dal alcuni tifosi viola dopo aver esultato a seguito del gol decisivo di Mkhitaryan, arrivato proprio all’ultimo minuto.

Quanto accaduto è stato documentato attraverso alcuni video che sono subito circolati in rete, all’interno dei quali si sentono chiaramente i tifosi della Fiorentina incitare gli aggressori con grida agghiaccianti come “Buttalo di sotto!”.

Mario Sconcerti sul tifoso dell’Inter aggredito: “La frustrazione è un’attenuante, una volta c’era il delitto d’onore”. E Twitter si infiamma

Oltre alle immagini dell’aggressione, hanno fatto molto discutere le parole sull’episodio del giornalista Mario Sconcerti. Ospite a Pressing, il commentatore delle pagine sportive del Corriere della Sera ha detto: “Siamo tutti noi persone civili che ogni tanto perdono la testa. Si tratta di violenza da frustrazione e la frustrazione è una delle attenuanti. In questo Paese esisteva il delitto d’onore se ammazzavi la donna che aveva tradito, era da procedimento processuale. Quindi esistono queste cose…“. 

“Adesso per fortuna la situazione è cambiata”, ha fatto giustamente notare a Sconcerti il presentatore, consapevole dell’assurdità di quanto affermato dal suo ospite. Che, a quel punto, ha subito fatto un passo indietro: “Per carità, che ce lo dobbiamo dire?”. “Sì, meglio precisarlo Mario”, l’ha intimato il conduttore.

Ma non è bastato, perché Sconcerti, sottolineando quanto i tifosi della Fiorentina fossero “nervosi” per il modo in cui l’arbitro aveva gestito la partita, ha ribadito: “Non si può accusare di inciviltà e fare noi lezioni di moralità su un avvenimento sportivo, diciamolo pure, discretamente falsato”.

Le parole di Sconcerti hanno infiammato gli utenti di Twitter, che hanno sottolineato come la violenza non abbia mai alcun attenuante e come il riferimento al delitto d’onore sia stato quantomeno fuori luogo. Qualcuno ha invitato pure a non invitare più il giornalista in alcuna trasmissione e a rimuoverlo dall’albo.

Nel frattempo, il questore di Firenze Maurizio Auriemma, in occasione di un evento in corso oggi a Palazzo Vecchio, ha fatto sapere che il tifoso viola che ha schiaffeggiato e spintonato l’interista è stato identificato (si tratta di un uomo di 56 anni) e che verrà denunciato.