La macchina del funky

«Marino? Meglio la vacanza a Ostia che ai Caraibi»

ignazio marino sito hackerato 1

Angelo Rughetti ,sottosegretario al ministero della Semplicazione della Pubblica amministrazione, in un’intervista rilasciata oggi a Claudio Marincola sul Messaggero attacca il sindaco di Roma Ignazio Marino per la gestione della faccenda dei Casamonica, dicendo che poteva andare in vacanza a Ostia invece che ai Caraibi:

Non crede che si sia arrivati ormai a un punto di non ritorno? Nel suo partito c’è chi ha chiesto alla giunta di fare un passo indietro.
«Ho letto anch’io lavostra intervista alla Bonaccorsi. È una valutazione che andava fatta qualche settimana fa. Il governo ha dato il suo sostegno. Siamo in una nuova fase».
La Bonaccorsi lo pensava anche prima.
«C’è stata una discussione interna. La domanda ce la siamo fatta in tanti e abbiamo deciso che la cosa più utile era metterci al lavoro per affiancare Marino».
Che nel frattempo segue la situazione attentamente. Dai Caraibi…
«Se le rispondo mi deve però far fare una premessa. E cioè che so quanto è importante dedicare qualche giorno alla famiglia. Sacrosanto dunque che il sindaco si sia trovato uno spazio. Trovo però una anomalia temporale: siamo in vista del Consiglio dei ministri dedicato all’inchiesta su Mafia Capitale. Il sindaco avrebbe potuto dare un suo contributo».

casamonica case popolari
Le case popolari ai Casamonica (Corriere della Sera, 23 agosto 2015)

Poi ci sarebbe la location: proprio ai Caraibi?
«Le giro l’osservazione del mio vicino di ombrellone: se andava a Ostia lo avrebbero apprezzato tutti».
Dica la verità: la scelta di indire ora un Giubileo straordinario non le sembra un azzardo?
«Un Papa non deve chiedere il permesso a nessuno. Nel momento in cui decide lo fa nella sua autonomia. Il Giubileo è il gradino che bisogna salire, nel quale tutte le istituzione coinvolte devono dar prova di saper governare Roma. Ecco. Se dovessero verificarsi eventi negativi che ricadono sulla giunta allora credo si debba riaprire quell’interrogativo che abbiamo messo da parte, se andare avanti o fermarsi».

Leggi sull’argomento: La storia delle case popolari ai Casamonica