Attualità

Il consigliere regionale arrestato per 'ndrangheta ad Aosta

neXt quotidiano|

marco sorbara aosta

Nell’ambito dell’operazione ‘Geenna’ finalizzata a contrastare infiltrazioni della cerimonia di affiliazione ndrangheta

Le cosche nel mondo (da Blogosfere.it)

Ci sono anche Monica Carcea, assessore comunale di Saint-Pierre (Aosta) e Nicola Prettico, consigliere comunale di Aosta, tra gli arrestati nell’inchiesta sulle infiltrazioni mafiose in Valle d’Aosta. I carabinieri li hanno presi in consegna questa notte nell’ambito dell’operazione Geenna.

I riti di affiliazione della ‘ndrangheta

Il 20 gennaio 2015 venne ritrovato anche un Codice di San Luca, il rito di affiliazione alla ‘ndrangheta, nell’ambito delle indagini coordinate dalla Dda di Roma che hanno portato a scoprire l’esistenza di una cosca che operava direttamente nella Capitale. Gli appunti, contenuti in un quaderno sequestrato insieme a circa 600 chilogrammi di cocaina e hashish e a diverse armi da fuoco, opportunamente decifrati, hanno svelato i contenuti e gli arcaici meccanismi procedurali che regolano il rito di affiliazione, la cui veridicità fino ad ora, sottolineano gli investigatori, era sospesa tra la tradizione e la leggenda.

Emergono anche contatti con la massoneria dalla indagine sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Valle d’Aosta. Secondo gli inquirenti, alcuni indagati avevano cercato di instaurare rapporti con le logge valdostane per accrescere il loro potere. Lo si apprende da fonti investigative. Da una conversazione intercettata, in particolare, emerge l’intenzione di scalare le gerarchie di una loggia per poi fare iscrivere imprenditori e professionisti.

Leggi sull’argomento: Popolare di Bari diventerà una superholding del centrosud?