Cultura e scienze

Marcello Foa e il premio in memoria della Fallaci inventato dal fondatore di Imola Oggi

marcello foa premio oriana fallaci manocchia imola oggi - 1

Il consigliere della Vigilanza Rai – e candidato Presidente di Viale Mazzini – Marcello Foa ha ricevuto il 15 settembre a Firenze il premio “Memorial Oriana Fallaci”, promosso dall’associazione “Una via per Oriana”. Tra i vincitori del Premio figurano la leader del Front National Marine Le Pen (2016), il direttore di Libero Vittorio Feltri (2015), l’attrice che interpretò la Fallaci nonché autrice del libro L’energia trasparente – curarsi con cristalli, pietre preziose e metalli Maria Rosaria Omaggio (2014). Nel 2012 il Premio era stato dato al fondatore del movimento di estrema destra britannico English Defence League (EDL), Tommy Robinson che recentemente è stato bannato a vita da Twitter per i suoi post ad alto contenuto d’odio anti islamico e che è stato arrestato per oltraggio alla Corte durante un processo.

Il premio in memoria della Fallaci inventato dal fondatore di Imola Oggi

Nel 2009 ad essere insignito del premio era stato Geert Wilders, leader del partito islamofobo olandese PVV. A consegnare l’ambito riconoscimento è stato Armando Manocchia, promotore del Memorial Oriana Fallaci. Manocchia è l’uomo dietro al noto sito sovranista anti-immigrati (e relativa pagina Facebook) Imola Oggi. In passato però è stato anche coordinatore della Lega Nord di Imola e consigliere comunale per la Lega Nord a Borgo Tossignano fino alle sue dimissioni, nel 2010. Dopo essersi allontanato dalla Lega – perché diffidato dall’usarne il simbolo – Manocchia si è candidato nel 2013 con il partito “Io amo l’Italia”, fondato dal giornalista Magdi Cristiano Allam.

marcello foa premio oriana fallaci manocchia imola oggi - 2
Marcello Foa con Armando Manocchia alla consegna del Premio dedicato ad Oriana Fallaci (via Facebook.com)

Imola Oggi è un sito (non è una testata giornalistica registrata) online dal 1997 il cui obiettivo è fare controinformazione e dare quelle notizie che gli altri giornali non hanno il coraggio di dare. Un esempio ad esempio è l’articolo (ripreso come al solito da altri siti) dove racconta la verità su Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, le due cooperanti italiane rapite in Siria nel 2014. Secondo il sito di Manocchia le due sono “odalische d’Italia” e “fidanzatine” degli islamisti dell’ISIS. Da anni Imola Oggi porta avanti una campagna stampa volta a far passere l’equazione che tutti i musulmani sono pericolosi terroristi. Qualsiasi cosa abbia a che fare con il mondo arabo viene distorta ed etichettata come pericolosa. C’è la notizia inventata dei musulmani che impediscono alle donne di salire sugli autobus ma anche il complotto USA per usare l’epidemia di Ebola come pretesto per installare basi militari in Africa.

marcello foa premio oriana fallaci manocchia imola oggi - 3

Più di ogni altra cosa Imola Oggi si occupa di strumentalizzare fatti di cronaca e tragedie, soprattutto quelle che hanno come protagonisti cittadini di origine straniera. Tutto serve a dimostrare che l’Italia orma è in balia degli immigrati e che gli italiani sono accerchiati e costretti a subire ogni sorta di sopruso. È ironico quindi che il “direttore” (Manocchia non è né giornalista né pubblicista e il sito non risulta essere una testata giornalistica registrata) di un sito del genere abbia consegnato a Foa il premio spiegando nelle motivazioni che «la scelta di Foa si spiega con il suo essere protagonista di un giornalismo serio, paladino del pluralismo e della libertà di stampa». O forse no. Perché Marcello Foa come Imola Oggi e Manocchia è impegnato a combattere il pericolo islamico, anche ricorrendo a bufale grossolane.

Leggi sull’argomento: Pensioni, quota 100? La pagano le aziende