Opinioni

Luigi Bisignani e il presunto accordo tra Grillo e Salvini

Con la consueta fantasia che si conviene a un faccendiere della sua razza, Luigi Bisignani sul Tempo ha chiesto a Matteo Renzi e Silvio Berlusconi di sbrigarsi a trovare un accordo perché dalle loro parti un’alleanza a sorpresa per farli fuori incombe:

Come ogni “consigliori” che si rispetti lancia un allarme discreto (il quotidiano Il Tempo ci apre il giornale con un titolo a sei colonne)per mettere in guardia i patron di Forza Italia e del Pd: in un ufficio dalle parti della stazione di Milano gli emissari di Matteo Salvini e di Beppe Grillo stanno mettendo a punto la lista dei ministri del futuro governo verde-stellato, con l’appoggio mediatico del Fatto e in esecuzione delle ultime volontà di Gianroberto Casaleggio.
Sul programma l’accordo è stato raggiunto da tempo. Del resto è facile, rileva Bisignani, su molti punti la convergenza è totale: dal reddito di cittadinanza, all’euro, ai vaccini e ai rapporti privilegiati con Putin. Il Tempo ha infilato anche la scarcerazione di Marcello Dell’Utri, con la petizione già avviata che sarà consegnata al futuro ministro di Grazia e Giustizia.
A proposito di ministri, fuori Di Maio e Di Battista, ritenuti “non all’altezza ”, si punta a 4 o 5 leghisti “tecnici ”di grande prestigio. In quota grillina “blindati” Pier Camillo Davigo e Milena Gabanelli, grazie anche al supporto del Fatto che le sta già tirando la volata.

luigi bisignani
Insomma, il piano è chiaro. Per lo meno in casa Bisignani. Dove di fantasia ce n’è sempre tanta. A volte troppa.