Fatti

L'SMS dei grillini sul canguro per le Unioni Civili

Ieri sera l’Unità ha pubblicato lo screenshot dell’sms inviato da un esponente del MoVimento 5 Stelle a Monica Cirinnà che confermava il sostegno dei grillini alla legge sulle Unioni Civili e la volontà di votare il canguro dell’emendamento Marcucci “sia integro che spacchettato”. Il quotidiano non ha ovviamente pubblicato il nome dell’autore del messaggio, anche se da dichiarazioni precedenti della Cirinnà si può ragionevolmente pensare che sia stato inviato da Alberto Airola, che ha tenuto i contatti con il “fronte PD” sin dall’inizio della trattativa per la legge. Il testo del messaggio: «Ok, stasera il mio gruppo di lavoro sul tuo ddl ha raggiunto ufficiosamente l’accordo di votareil Marcucci sia integro che spacchettato… O v v i a m e n te mancheranno due-tre voti nostri per la lettera F sulla step magli altri ci sono. Domattina abbiamo la riunione di gruppo che ratificherà la decisione…. Fino ad allora tienitelo per te. MI RACCOMANDO, poi domattina lo diremo noi ufficialmente…Grazie, in bocca al lupo anche a te».

sms m5s cirinnà
L’sms a Monica Cirinnà pubblicato da L’Unità ieri sera

 

Lo screenshot dell’SMS alla Cirinnà su canguro e Unioni Civili

Luigi Di Maio ha risposto al Fatto sulla questione dell’sms, non negando che sia stato inviato ma sostenendo che la senatrice ha cercato una conferma dalla persona sbagliata: era Nunzia Catalfo la capogruppo dei grillini al Senato: «Cirinnà ha scelto di non parlare con il nostro capogruppo. Ha scelto di credere che una valutazione a titolo personale fosse un accordo ufficiale. E dice a noi che siamo scorretti e inaffidabili? Spiace che una legge così importante venga affidata a una persona che non rispetta le regole e il buon senso». È evidente quindi che l’sms è autentico, visto che nessuno ne contesta la veridicità, ma l’argomento di Di Maio è che la Cirinnà ha parlato con l’interlocutore sbagliato. Il che è francamente curioso soprattutto alla luce del fatto che è stato Alberto Airola (ovvero, colui che dovrebbe aver mandato il messaggio) ad annunciare successivamente il suo “no” al supercanguro di Marcucci dopo il ritiro da parte della Lega Nord di 4500 emendamenti considerati ostruzionistici. Già  in un’intervista al Tg3 la Cirinnà aveva parlato di una telefonata di Di Maio che aveva fatto cambiare idea ai senatori grillini: «Certo sono estremamente amareggiata perché ho lavorato per mesi a un percorso con Buccarella, Airola per poi sapere che basta una telefonata notturna di Di Maio per mandare a monte anche rapporti umani», aveva detto la senatrice.
sms cirinnà airola cangura
“Personalmente, insieme ai colleghi Lumia e Lo Giudice, ho ricevuto rassicurazioni, sia a voce che attraverso sms, da senatori del Movimento 5 Stelle a ridosso della votazione in aula dell’emendamento Marcucci che loro avevano raggiunto l’accordo interno al gruppo per votare il cosiddetto canguro sia intero che spacchettato. Questo è accaduto nei giorni scorsi fino alla tarda serata di lunedì 15 febbraio. Chi afferma il contrario è bugiardo”, ha detto invece ieri la senatrice del Pd. “Nell’emendamento canguro erano contenuti non solo tutti i diritti per le coppie dello stesso sesso, ma anche l’art. 5 per l’adozione speciale. Questa è la prova assoluta che il Pd voleva portare a casa l’intera legge. Non votando il canguro M5S ha prodotto due risultati. Il primo: condannare le famiglie Arcobaleno al non riconoscimento della loro genitorialità. Il secondo: costringere il PD al voto di fiducia per non lasciare alla roulette russa dei voti segreti i diritti e la vita di tante persone”. “È bene ricordare che la posizione di M5S in 10 giorni è passata dal sostegno pieno alla legge, al voto di coscienza, al no al canguro, alla richiesta del voto in aula e ora, ma solo per ora, nuovamente al sì alla legge. Quale affidabilità possono garantire? Nessuna”. La conferma definitiva dell’autenticità dell’sms è arrivata stamattina proprio grazie ad Airola:
sms cirinnà airola canguro 2
Airola dice che l’ipotesi del sì al canguro era stata “vagliata come possibilità”. Nell’sms invece diceva che il gruppo aveva raggiunto “un accordo ufficioso” che era soltanto da ufficializzare. Airola sembra voler modificare il senso e il significato letterale del messaggio che ha inviato alla Cirinnà. Come è possibile osservare anche a occhio nudo, una decisione da ratificare non è una decisione da prendere; raggiungere ufficiosamente un accordo significa che l’accordo è stato raggiunto, e non che l’accordo si deve ancora raggiungere. Non si è semplicemente presa in considerazione un’opzione possibile, ma si propendeva per quell’opzione secondo Airola. Ciò detto, va ricordato che il senatore Alberto Airola era quello che il 3 febbraio scorso sosteneva: «Alla domanda se voteremo compatti ho risposto sì, tutto qua. Sono stufo delle balle che scrivono alcuni giornalisti servi»: Airola parlando del voto dei grillini sulla SA diceva a Monica Cirinnà a proposito della legge sulle Unioni Civili. «I vostri problemi sono vostri, io mi sono rotto i coglioni», perché la senatrice gli chiedeva conto di un articolo comparso sulla Stampa in cui si dipingeva un M5S tentato dal no alla legge a causa della Stepchild Adoption. Il sabato successivo Grillo annunciò la libertà di coscienza per i grillini sulla Stepchild Adoption. Comprereste una legge usata da uno così, voi?

Un compromesso al ribasso per Renzi

Il Fatto intanto oggi ha pubblicato le risultanze dell’assemblea dei senatori PD che ieri ha dato il via libera all’emendamento del governo sul DDL che verrà a questo punto votato senza stepchild adoption. Molto interessanti gli interventi che ricordano le insidie contenute nell’emendamento:

 Ma uno dei rischi lo spiega Federico Fornaro: “Dopo lo stralcio dell’articolo 5, se si interviene male sull’articolo 3, si torna indietro anche rispetto alla giurisprudenza. Perché l’articolo 5 metteva in legge quello che di fatto avviene nella prassi: se intervieni e modifichi dunque, torni indietro”. Insomma, i pericoli sono molti. Ma negli interventi di ieri al gruppo, nessuno mette in discussione la fiducia. Neanche Sergio Lo Giudice. Neanche Cecilia Guerra, la più accorata: “Non stiamo parlando di comma astratti, ma della vita dei bambini. Piuttosto che soluzioni pasticciate, meglio la via parlamentare” . Parole senza seguito.
Sono di poco passate le 15, quando Renzi se ne va. Zanda promette una legge futura sulleadozioni. Intanto, il testo nessuno lo ha ancora visto. E se Alfano chiede di più? Il premier si costituisce l’alibi per chiedere lafiducia a Verdini: “Mancheranno dei voti nella maggioranza”. E poi, va al bilaterale tra Italia e Santa Sede nell’anniversario dei Patti Lateranensi. A margine il segretario di Stato, Parolin definisce “giusto”lo stralcio della stepchild.

Ma soprattutto è importante questo grafico che il quotidiano di Travaglio pubblica in prima pagina:

sms cirinnà airola canguro 1
L’infografica del Fatto sulla maggioranza possibile per la legge Cirinnà con la Stepchild Adoption

Il grafico è interessante perché è tremendamente ottimista. Non conta infatti il dissenso dei grillini (da 3 a 5 voti contrari alla SA), quello del gruppo delle Autonomie (12 pronti al voto su 20) e di Ala (14 pronti al voto su 19) ma soprattutto quello più cogente: i 30 cattodem del Partito Democratico. La Stepchild Adoption in realtà sarebbe stata appesa a cinque voti, come raccontato dal Corriere la settimana scorsa.
stepchild adoption 4 voti
I conti del voto sulla Stepchild Adoption (Corriere della Sera, 21 febbraio 2016)

Al netto degli sms dei grillini sul canguro, la scelta era tutta qui.