Opinioni

Lorenzo Battista: l'ex grillino che entra in MDP

In questi giorni non sembra una casualità. Mentre alcuni ex dem hanno espresso la volontà di confrontarsi in futuro con il Movimento 5 stelle, l’ex grillino Lorenzo Battista è passato al MDP. Eletto al Senato con i pentastellati nel 2013 e dopo essere passato nel 2014 al Gruppo misto e poi fino all’altro giorno al Gruppo Per le Autonomie, ieri il gruppo del Senato di Articolo 1 – Movimento democratico e progressista ha accolto all’unanimità l’adesione del senatore Lorenzo Battista a Mdp. “Il gruppo ha accolto con piacere questa nuova adesione perché rappresenta un allargamento della nostra forza e un sicuro rafforzamento nelle nostre battaglie per la democrazia, i diritti e il lavoro”, si legge in una nota. “Rimettere al centro della politica le persone, il loro diritto ad un lavoro sicuro, ad un ambiente pulito, all’istruzione e alla sanità pubblica, alla parità di genere. Battista negli anni scorsi aveva suggerito agli ex grillini di aderire a SEL.

lorenzo battista movimento 5 stelle
Lorenzo Battista è stato espulso in malo modo dal MoVimento 5 Stelle. Il senatore triestino, dopo aver annunciato il tentativo di fare un gruppo autonomo con i compagni espulsi, è transitato nel Gruppo delle Autonomie e oggi è in maggioranza

“Questo mio passaggio, da un gruppo composito sotto il profilo delle idee, ad uno ispirato a grandi principi progressisti – dice invece Battista- nasce dalla constatazione che in questi anni da ‘epurato 5 Stelle’, non sono riuscito a realizzare tutti i progetti che ho portato avanti, perché da solo, non essendoci in regione riferimenti politici del Gruppo Autonomie. L’ennesima dimostrazione che le persone fanno la differenza: inizio questo progetto condiviso con donne e uomini con un importante bagaglio politico, pronti a dare risposte chiare su equità fiscale, sicurezza, povertà; tutti argomenti che troppo spesso finiscono sotto il tappeto. E conclude: “Pur venendo da un’esperienza diversa, credo che la mia attività parlamentare sia sintonizzata con la carta dei valori di Mdp: è stata svolta a sostegno delle persone più fragili, a partire dalla lotta al cyberbullismo, proseguendo con la proposta di una seria regolamentazione delle lobby. Ho lavorato per la trasparenza e l’efficienza delle forze militari. Sul fronte regionale, mi sono impegnato per la tutela della salute degli abitanti di Servola ed in direzione di una vera riconversione industriale dell’impianto siderurgico triestino. Sul piano della politica estera sono intervenuto per favorire l’accoglienza ed i corridoi umanitari dei migranti provenienti dalla Libia ed infine contro la proliferazione della propaganda terroristica sul web”.

Leggi sull’argomento: La sceneggiata del M5S sui vitalizi