Economia

Le sigarette low cost diventano più care

sigarette no logo wikipedia

Le sigarette, soprattutto quelle «low cost», che cioè fanno parte della fascia di prezzo che oscilla tra i 4,20 euro e i 4,40 euro,potrebbero subire un aumento. Il ministero dell’Economia starebbe lavorando ad un decreto per ritoccare verso l’alto il cosiddetto «onere fiscale minimo», una parte fissa della tassa sul fumo che pesa in maniera più che proporzionale proprio sui prodotti con un prezzo più basso. Lo scrive oggi il Messaggero.

sigarette low cost
Il gettito fiscale proveniente dal tabacco (Il Messaggero, 7 marzo 2016)

Un ritocco all’insù del prezzo delle sigarette c’è già stato a gennaio per effetto di un calcolo automatico. Le norme stabiliscono che l’accisa debba essere proporzionale al prezzo medio ponderato delle sigarette. Questo prezzo viene calcolato di anno in anno. Quello del 2015 è risultato più alto che nei dodici mesi precedenti, passando da 226 euro al chilo a 233 euro al chilo. Quindi l’accisa,che è una percentuale calcolata sul prezzo, è salita.