Economia

Ma l'assessore al bilancio di Roma?

nino galloni

Oggi potrebbe essere il giorno giusto per l’annuncio del nuovo assessore al bilancio per il Comune di Roma. Gli ultimi giorni hanno registrato una caccia sempre più ristretta ai papabili, soprattutto a causa di alcuni dinieghi arrivati nel frattempo. Ad esempio quello di Mario Canzio, che secondo quanto risulta a neXt, avrebbe declinato l’invito (e questo è un vero peccato perché sarebbe stato un ottimo nome per la Giunta Raggi). Impossibile, anche se ventilato da più parti, anche il ritorno di Marcello Minenna.

Ma l’assessore al bilancio di Roma?

Nei giorni scorsi erano circolati i nomi di Massimiliano Ciferri, direttore operativo di Banca Sistema; Giancarlo Giudici del Politecnico di Milano; Marco Nicolai, ex presidente di Finlombarda, professore di Finanza pubblica all’Università di Brescia, oltre a quello dell’ex generale della Finanza Ugo Marchetti (più un’idea di M5S che un’ipotesi reale: Marchetti sarebbe stato, in caso di vittoria, il braccio destro di Alfio Marchini; in ogni caso parrebbe aver declinato anche lui) e del professore dell’Università di Urbino Mario Pianta. Il Corriere della Sera Roma (così come il Messaggero) invece sponsorizza ancora il nome di Nino Galloni:

Per il Bilancio sono arrivati diversi no alle proposte del Campidoglio e alcune auto-candidature che sono oggetto di valutazione. Alla fine i curricula rimasti in mano a Raggi sono un paio. E il profilo più caldo sembra sempre quello di Nino Galloni, economista che divide il Movimento perché vede le Olimpiadi come un’opportunità.

Galloni però rappresenterebbe una sorpresa, visto che era stato in ballo all’epoca della prima formazione della giunta e più recentemente prima della nomina di De Dominicis: se in entrambe le occasioni era stato scartato sembra curioso che il M5S lo riproponga oggi; tanto più che il professor Galloni ha nel frattempo rilasciato molte interviste sul suo presunto incarico e di solito chi è in procinto di ricoprire una carica è molto più timido nel rilasciare dichiarazioni per ragioni di opportunità. Ma visto che si tratta di M5S tutto può essere.

Leggi sull’argomento: Quando Nino Galloni combatteva il signoraggio bancario