Tecnologia

L'anguilla gigante che ha commosso il Web

Nel fiume Manawatu, in Nuova Zelanda, nuota una creatura misteriosa, un’anguilla gigante che “parla”. L’anguilla, grande quanto un uomo adulto, è stata avvistata da due fratelli, Tim e Ray Hamilton, mentre passeggiavano lungo le sponde del fiume.

Cose da fare in Nuova Zelanda: dare da mangiare ad un'anguilla gigante (fonte: YouTube.com)
Cose da fare in Nuova Zelanda: dare da mangiare ad un’anguilla gigante (fonte: YouTube.com)

 
IL PRIMO AVVISTAMENTO
In questo video il primo avvistamento del mostro del fiume Manawatu: l’anguilla viene individuata da un ponte e uno dei due fratelli scende per darle qualcosa da mangiare e attirarla a riva. Ad un certo punto si può sentire l’anguilla emettere un verso terrificante. La scena è molto simile ad una delle sequenze iniziali del film coreano “The Host“.

 
I VIDEO VIRALI
Oltre al primo video ne è stato girato un secondo nel quale l’anguilla si spinge fino a riva per mangiare un pezzo di pane dalle mani del più piccolo dei due Hamilton:

I due video girati dai fratelli Hamilton sono stati visualizzati (complessivamente) oltre 140.000 volte (ovvero pochissime per essere definiti virali), e questo ha attirato l’attenzione dei media neozelandesi, sempre a caccia di notizie interessantissime. È così venuto fuori che l’anguilla gigante è un piccolo fake creato dai due ragazzi per fare pubblicità alla loro casa di produzione di effetti speciali “The Shiz”; i due hanno in comune una passione per gli effetti speciali. Che delusione!11 L’anguilla non esiste, o meglio, esiste ma è lunga poco più di un metro. Tim e Ray hanno pescato un’anguilla di dimensioni normali e l’hanno filmata mentre nuotava tranquilla nella vasca del bagno di casa per poi editare le dimensioni dell’animale e “reintrodurlo” in natura. Resta il dubbio che l’anguilla sia stata maltrattata, senza dubbio i bravi animalisti indagheranno e ci faranno sapere.
Svelato il mistero l’unica anguilla grande quanto un essere umano rimane ‘O Zulù dei 99 Posse:

 
Foto copertina via Flickr.com