Fact checking

La storia della risposta di Lupi scritta dall'avvocato Titta Madia

Nell’ordinanza che ha portato in carcere Ercole Incalza, a proposito della contiguità tra di lui e il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi, il giudice per le indagini preliminari scrive che la difesa di Ercole Incalza fatta in aula alla Camera da Lupi all’epoca dell’interrogazione parlamentare dei 5 Stelle sarebbe stata scritta dal difensore di fiducia dello stesso Incalza, l’avvocato Titta Madia. Una circostanza smentita da Lupi nell’intervista rilasciata oggi a Repubblica:

Ma è vero che la sua risposta all’interrogazione dei 5Stelle l’ha scritta il difensore di Incalza?
«Scherziamo? Le risposte alle interrogazioni le scrivono gli uffici legislativi dei ministeri».

titta madia maurizio lupi marianna madia 1
L’avvocato Titta Madia, difensore di Ercole Incalza

LA STORIA DELLA RISPOSTA DI LUPI SCRITTA DALL’AVVOCATO TITTA MADIA
Nonostante la smentita del ministro, e in attesa di leggere le carte su cui il GIP ha basato l’affermazione, la storia ha cominciato a deflagrare nel pomeriggio, quando si è “scoperto” (in realtà la circostanza è nota da anni) che Titta Madia è lo zio di Marianna Madia, ministro della Funzione Pubblica. In questo caso poco conta che Madia sia un avvocato di grande importanza, un vero principe del foro che spesso ha avuto clienti illustri(di recente ha difeso, tra gli altri, anche l’ex Guardasigilli Clemente Mastella e l’ex direttore del Sismi Niccolò Pollari). La parentela dell’avvocato Madia è diventata oggetto di polemica politica da parte del MoVimento 5 Stelle. Una polemica in cui si contraddistinguono Alessandro Di Battista e Carlo Sibilia, entrambi componenti del direttorio, con il secondo che si va persino infilare in una pericolosa similitudine:
titta madia maurizio lupi marianna madia 2
Il messaggio su Titta Madia, Marianna Madia e Maurizio Lupi scritto su Facebook dall’onorevole Di Battista

 


E così, nonostante le “connessioni” delle parentele siano abbastanza semplici da individuare a prima vista non appaiono per nulla “fecali” (Madia è un grande avvocato, perché è strano che Incalza si faccia assistere da lui), si perde il punto della discussione – ovvero verificare che la circostanza raccontata dal GIP corrisponda a verità, e quindi se Lupi ha mentito all’opinione pubblica nella sua intervista – per inseguire il complottismo. Sic transit gloria mundi.