Opinioni

La scuola, il concorsone e le cattedre che non ci sono

scuola-concorsone-cattedre

È arrivato infatti come una doccia fredda il decreto per le nuove assunzioni,previste entro il 15 settembre, firmato dal ministro Giannini: in molte regioni, racconta oggi Il Messaggero, i posti, messi a bando, sono scomparsi. Delle 32mila immissioni in ruolo previste nel triennio, divise al 50% tra i vincitori del concorso e gli iscritti alle graduatorie ad esaurimento, ne rimangono effettive 29.720. Ma la maggior parte di queste, per il 2016-2017, si trova al nord.

Si tratta di uno stravolgimento geografico, rispetto alla prima versione della mappa delle assunzioni, dovuto al piano straordinario della mobilità messo in atto nel periodo estivo. Vale a dire che, con i trasferimenti richiesti dai docenti già assunti e accordati dal ministero dell’Istruzione, tanti posti vacanti sono stati coperti eliminando di fatto la possibilità ai vincitori di concorso di entrare subito di ruolo. Migliaia di cattedre scomparse. Un fenomeno che riguarda soprattutto le regioni del Sud dove è presente la quota maggiore di docenti che hanno chiesto e ottenuto il trasferimento. Primo fra tutti, a restare azzerato dalla mobilità, è stato il settore riservato alla scuola primaria: dei 17.299 posti messi a bando per il triennio, quest’anno ne saranno utilizzati appena 3.837 in tutta Italia.

scuola-concorsone-cattedre

Di questi, 1.559 andranno alla Lombardia, 715 al Piemonte e 571 in Veneto, 277 in Friuli, 265 in Emilia Romagna, 131 in Toscana e 126 in Liguria, 88 nelle Marche, 75 in Sardegna e 30 in Umbria. Praticamente al nord arriva oltre il 90% delle cattedre. Tutte le altre regioni, quindi la maggior parte del Centroe del Sud, non avranno alcun nuovo maestro entrato con il concorso. Zero posti alla primaria per Lazio, Abruzzo, Basilicata e Campania, Calabria, Molise, Puglia e Sicilia. Eppure nel Lazio, secondo il bando di concorso, sarebbero previste 1378 immissioni in ruolo entro il 2018, in Campania 1604, 1096 in Sicilia e 979 in Puglia. Dal Miur arriva la rassicurazione che tutti i vincitori saranno assunti entro il triennio ma per ora è tutto bloccato.