Attualità

La legge per dichiarare Trump matto

donald trump nato assad obamacare - 7

La costituzione americana prevede che un presidente possa essere destituito perché incapace fisicamente o mentalmente di svolgere il suo ruolo, ma non esiste una legge per attuare questa disposizione. Un deputato democratico, Jamie Raskin, ci ha però pensato e ha già preparato il testo. Convinto che il presidente Donal Trump presenti segni di “disturbo mentale”, Raskin sa bene che la sua legge potrà difficilmente passare ora in un Congresso a maggioranza repubblicana. Ma spiega però di aver voluto mettere a punto il meccanismo nel caso una parte dei repubblicani si rivolti contro Trump. “Questo è un presidente che ha insistito nel dire che il padre del senatore Ted Cruz è implicato nell’assassinio di John Kennedy e che Barack Obama è nato in Indonesia, che ha detto clamorose bugie e non le ha mai ritrattate. Questo è un segno di grave disturbo mentale”, ha dichiarato Raskin, presentando il suo progetto.
La legge per dichiarare Trump matto
Al primo mandato da deputato democratico del Maryland, Raskin è professore di diritto costituzionale. Il testo messo a punto prevede l’attivazione della quarta sezione del 25esimo emendamento, con la creazione di una commissione permanente di undici membri che avranno il compito di determinare se il presidente sia psicologicamente o fisicamente in grado di svolgere il suo ufficio. La commissione dovrà essere formata da quattro medici e quattro psichiatri scelti dallo speaker della Camera e i capogruppo dei due partiti di Camera e Senato, oltre a due statisti a riposo indicati dai partiti repubblicano e democratico. I dieci membri dovranno a loro volta sceglierne un undicesimo che presiederà la commissione. Gli undici potranno valutare lo stato di salute fisica e mentale del presidente solo su richiesta del Congresso, al quale dovranno poi riferire le loro conclusioni. Se il presidente verrà riconosciuto incapace, il suo vice assumerà le sue funzioni.

Leggi sull’argomento: Il ricatto di Donald Trump all’FBI